HABITAT - NOTE PERSONALI

di Emiliano Dante
HABITAT - PERSONAL NOTES - HABITAT - NOTE PERSONALI

Informazioni

Nazione: Italia

Anno: 2014

Durata: 55'

32° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Abitare all’Aquila dopo il terremoto, evento catastrofico trasformatosi per molti in esperienza quotidiana. La storia, lunga cinque anni, del regista e dei suoi due ex compagni di tenda Alessio e Paolo. Il primo è uno squatter divenuto agente immobiliare, l’altro era un proprietario di immobili e ora, senza più nulla da affittare, si dedica alla pittura. Alessio vive con Gemma in una frazione distrutta dal terremoto; Paolo sta per diventare padre in una situazione di precarietà assoluta. Uno sguardo dall’interno alla realtà alienante dei progetti C.A.S.E., non-luoghi privi d’identità, lontani dal tessuto urbano, storico e culturale della città.

Regia

Emiliano Dante

Emiliano Dante

Emiliano Dante (L’Aquila, 1974) ha esordito come regista nel 2003, con la serie di cortometraggi sull’abitare The Home Sequence Series. Dopo altri corti, ha realizzato i documentari sulla vita postsismica Into the Blue (2009) e Habitat - Note personali (2014), entrambi presentati al Torino Film Festival, avviando una trilogia che si chiude proprio con Appennino. Oltre ai documentari, ha anche diretto il lungometraggio di finzione Limen (2013). Nei suoi lavori porta avanti un’idea di autorialità radicale, realizzando personalmente tutte le componenti artistiche (sceneggiatura, montaggio, musica, fotografia e, quando presenti, animazioni). È anche fotografo, saggista e narratore. 

Filmografia:
The Home Sequence Series (serie/series, 2003-2005), Payphones (60) (cm, 2006), Into the Blue (doc., 2009), Limen (2013), Habitat - Note personali (mm, doc., 2014), Appennino (doc., 2017).

Cast and Credits

regia, sceneggiatura, montaggio, musica/director, screenplay, film editing, music
Emiliano Dante
fotografia/cinematography
Emiliano Dante, Paolo De Felice, Valentina Soccorsi
interpreti/cast
Alessio Di Giannantonio, Paolo De Felice, Emiliano Dante, Gemma Giuliani, Roberta Lucrezi, Valentina Soccorsi
produttore/producer
Valentina Soccorsi
produzione/production
Dansacro Digital Artisans, C.U.M. Consorzio Umano Multimediale

contatti/contacts
Emiliano Dante
[email protected]
Dansacro Digital Artisans

Dichiarazione regista

«Habitat è un film di relazioni nel tempo; relazioni tra persone e tra persone e luoghi. Temi universali che all’Aquila assumono tratti particolari: tra le macerie, il passato è più passato, al tempo stesso più visibile e più inservibile. E nei progetti C.A.S.E., prefabbricati già fatiscenti costruiti in mezzo al nulla dopo il terremoto, il presente è più presente: senza uno ieri e senza un domani».

Sinossi Approfondisci

Abitare all’Aquila dopo il terremoto, evento catastrofico trasformatosi per molti in esperienza quotidiana. La storia, lunga cinque anni, del regista e dei suoi due ex compagni di tenda Alessio e Paolo. Il primo è uno squatter divenuto agente immobiliare, l’altro era un proprietario di immobili e ora, senza più nulla da affittare, si dedica alla pittura. Alessio vive con Gemma in una frazione distrutta dal terremoto; Paolo sta per diventare padre in una situazione di precarietà assoluta. Uno sguardo dall’interno alla realtà alienante dei progetti C.A.S.E., non-luoghi privi d’identità, lontani dal tessuto urbano, storico e culturale della città.

Regia Tutto sui registi del film

Emiliano Dante

Emiliano Dante

Emiliano Dante (L’Aquila, 1974) ha esordito come regista nel 2003, con la serie di cortometraggi sull’abitare The Home Sequence Series. Dopo altri corti, ha realizzato i documentari sulla vita postsismica Into the Blue (2009) e Habitat - Note personali (2014), entrambi presentati al Torino Film Festival, avviando una trilogia che si chiude proprio con Appennino. Oltre ai documentari, ha anche diretto il lungometraggio di finzione Limen (2013). Nei suoi lavori porta avanti un’idea di autorialità radicale, realizzando personalmente tutte le componenti artistiche (sceneggiatura, montaggio, musica, fotografia e, quando presenti, animazioni). È anche fotografo, saggista e narratore. 

Filmografia:
The Home Sequence Series (serie/series, 2003-2005), Payphones (60) (cm, 2006), Into the Blue (doc., 2009), Limen (2013), Habitat - Note personali (mm, doc., 2014), Appennino (doc., 2017).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, sceneggiatura, montaggio, musica/director, screenplay, film editing, music
Emiliano Dante
fotografia/cinematography
Emiliano Dante, Paolo De Felice, Valentina Soccorsi
interpreti/cast
Alessio Di Giannantonio, Paolo De Felice, Emiliano Dante, Gemma Giuliani, Roberta Lucrezi, Valentina Soccorsi
produttore/producer
Valentina Soccorsi
produzione/production
Dansacro Digital Artisans, C.U.M. Consorzio Umano Multimediale

contatti/contacts
Emiliano Dante
[email protected]
Dansacro Digital Artisans

Dichiarazione regista Approfondisci

«Habitat è un film di relazioni nel tempo; relazioni tra persone e tra persone e luoghi. Temi universali che all’Aquila assumono tratti particolari: tra le macerie, il passato è più passato, al tempo stesso più visibile e più inservibile. E nei progetti C.A.S.E., prefabbricati già fatiscenti costruiti in mezzo al nulla dopo il terremoto, il presente è più presente: senza uno ieri e senza un domani».