ALLEGRO NON TROPPO

di Bruno Bozzetto
ALLEGRO NON TROPPO

Informazioni

Nazione: Italia

Anno: 1976

Durata: 81'

32° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Un disegnatore che vuol fare un film prendendo spunto dalla musica classica si ritrova in uno scalcinato teatro a lavorare con un direttore d’orchestra e una banda di vecchiette che gli combinano un mare di pasticci. Bozzetto crea personaggi a disegni animati ispirandosi a brani musicali, mescolandoli a una storia filmata dal vero che funge da filo conduttore.

Regia

Bruno Bozzetto

Bruno Bozzetto

Bruno Bozzetto (Milano, 1938) esordisce nel 1958 con il corto d’animazione Tapum! La storia delle armi e nel 1960 fonda la Bruno Bozzetto Film, con la quale realizza pubblicità e film. Tra i più celebri animatori e cartoonist del mondo, Bozzetto ha diretto, tra i molti film, la serie di cortometraggi dedicati al Signor Rossi, i lunghi d’animazione West and Soda (1965) e Allegro non troppo (1976), i film dal vero Sotto il ristorante cinese (1987), la serie tv Sandwich (1984) e i cortometraggi Mister Tao (1989), Orso d’oro al Festival di Berlino, Cavallette (1990), candidato al premio Oscar e Nastro d’argento nel 1990, e Looo (2005), realizzato in 3D. Nel 2014 ha ricevuto il premio Maria Adriana Prolo dall’Associazione Nazionale Museo del Cinema.

Filmografia:
Un Oscar per il signor Rossi (cm, 1960), Alfa Omega (cm, 1961), Il signor Rossi al mare (cm, 1964), West and soda (1965), Vip, mio fratello superuomo (1968), Ego (cm, 1969), Gli sport del signor Rossi (serie tv/tv series, 1975), Il signor Rossi cerca la felicità (1976), Allegro non troppo (1976), Le vacanze del signor Rossi (1976), I sogni del signor Rossi (1977), Tennis Club (cm, 1982), Sotto il ristorante cinese (1987), Baeus (cm, 1987), Cavallette (cm, 1990), Help? (cm, 1995), Adam (cm, 2002), Spaghetti Family (serie tv/tv series, 2003), Olympics (cm, 2003), Armi su strada (cm, 2008).

Cast and Credits

regia, produttore/director, producer
Bruno Bozzetto
soggetto, sceneggiatura/story, screenplay
Bruno Bozzetto, Guido Manuli, Maurizio Nichetti
fotografia/cinematography
Mario Masini, Luciano Marzetti
montaggio, suono/film editing, sound
Giancarlo Rossi
musica/music
estratti da/excerpts from Debussy, Dvorak, Ravel, Sibelius, Vivaldi, Stravinskij
interpreti/cast
Maurizio Nichetti, Nestor Garay, Maurizio Micheli, Maria Luisa Giovannini, Mirella Falco, Osvaldo Salvi, Jolanda Cappi, Franca Mantelli, Angela Finocchiaro
coproduzione/coproduction
Bruno Bozzetto Film

contatti/contacts
Bruno Bozzetto Distribution
Anita & Irene Bozzetto

Dichiarazione regista

«Non è che Allegro non troppo volesse essere niente di troppo impegnativo, è nato perché amavo la musica classica e perché mi era venuta questa idea del Bolero. Strada facendo ci siamo poi resi conto che poteva ricordare Fantasia. […] Quando invece abbiamo deciso di allargare il progetto e trasformarlo in un lungometraggio, lì è scattata l’idea di fare non una parodia, ma di prendere in giro la parte che meno amavo di Fantasia, ovvero l’orchestra, che trovavo molto stucchevole, tutti così rosa e perfetti… E da lì è scaturita l’idea di Guido Manuli e Maurizio Nichetti che sono venuti da me e mi hanno detto “facciamo un’orchestra di vecchietti”, e l’ho trovata subito una proposta simpatica». (dal sito www.quinlan.it) 

Sinossi Approfondisci

Un disegnatore che vuol fare un film prendendo spunto dalla musica classica si ritrova in uno scalcinato teatro a lavorare con un direttore d’orchestra e una banda di vecchiette che gli combinano un mare di pasticci. Bozzetto crea personaggi a disegni animati ispirandosi a brani musicali, mescolandoli a una storia filmata dal vero che funge da filo conduttore.

Regia Tutto sui registi del film

Bruno Bozzetto

Bruno Bozzetto

Bruno Bozzetto (Milano, 1938) esordisce nel 1958 con il corto d’animazione Tapum! La storia delle armi e nel 1960 fonda la Bruno Bozzetto Film, con la quale realizza pubblicità e film. Tra i più celebri animatori e cartoonist del mondo, Bozzetto ha diretto, tra i molti film, la serie di cortometraggi dedicati al Signor Rossi, i lunghi d’animazione West and Soda (1965) e Allegro non troppo (1976), i film dal vero Sotto il ristorante cinese (1987), la serie tv Sandwich (1984) e i cortometraggi Mister Tao (1989), Orso d’oro al Festival di Berlino, Cavallette (1990), candidato al premio Oscar e Nastro d’argento nel 1990, e Looo (2005), realizzato in 3D. Nel 2014 ha ricevuto il premio Maria Adriana Prolo dall’Associazione Nazionale Museo del Cinema.

Filmografia:
Un Oscar per il signor Rossi (cm, 1960), Alfa Omega (cm, 1961), Il signor Rossi al mare (cm, 1964), West and soda (1965), Vip, mio fratello superuomo (1968), Ego (cm, 1969), Gli sport del signor Rossi (serie tv/tv series, 1975), Il signor Rossi cerca la felicità (1976), Allegro non troppo (1976), Le vacanze del signor Rossi (1976), I sogni del signor Rossi (1977), Tennis Club (cm, 1982), Sotto il ristorante cinese (1987), Baeus (cm, 1987), Cavallette (cm, 1990), Help? (cm, 1995), Adam (cm, 2002), Spaghetti Family (serie tv/tv series, 2003), Olympics (cm, 2003), Armi su strada (cm, 2008).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, produttore/director, producer
Bruno Bozzetto
soggetto, sceneggiatura/story, screenplay
Bruno Bozzetto, Guido Manuli, Maurizio Nichetti
fotografia/cinematography
Mario Masini, Luciano Marzetti
montaggio, suono/film editing, sound
Giancarlo Rossi
musica/music
estratti da/excerpts from Debussy, Dvorak, Ravel, Sibelius, Vivaldi, Stravinskij
interpreti/cast
Maurizio Nichetti, Nestor Garay, Maurizio Micheli, Maria Luisa Giovannini, Mirella Falco, Osvaldo Salvi, Jolanda Cappi, Franca Mantelli, Angela Finocchiaro
coproduzione/coproduction
Bruno Bozzetto Film

contatti/contacts
Bruno Bozzetto Distribution
Anita & Irene Bozzetto

Dichiarazione regista Approfondisci

«Non è che Allegro non troppo volesse essere niente di troppo impegnativo, è nato perché amavo la musica classica e perché mi era venuta questa idea del Bolero. Strada facendo ci siamo poi resi conto che poteva ricordare Fantasia. […] Quando invece abbiamo deciso di allargare il progetto e trasformarlo in un lungometraggio, lì è scattata l’idea di fare non una parodia, ma di prendere in giro la parte che meno amavo di Fantasia, ovvero l’orchestra, che trovavo molto stucchevole, tutti così rosa e perfetti… E da lì è scaturita l’idea di Guido Manuli e Maurizio Nichetti che sono venuti da me e mi hanno detto “facciamo un’orchestra di vecchietti”, e l’ho trovata subito una proposta simpatica». (dal sito www.quinlan.it)