Nazione: Portogallo
Anno: 1998
Durata: 55'


Video di montaggio realizzato dalla regista di O Som da Terra a Tremer e di Frágil Como o Mundo per i festeggiamenti a Porto in occasione dei novant'anni del maestro.

«Ho rivisto tutto d'un fiato l'intera opera di Oliveira. Mi è sembrato che tutti i film facessero parte di un corpo unico. Senza che ci pensassi molto, tutto si lasciava unire: un piano di Vale Abraão faceva eco a uno di O Pão; nel palco del teatro di Francisca sentivo i passi di Ana Plácido in O Dio de Desespero; i balli si concatenavano nella luce delle sale e nella cadenza dei valzer; gli sguardi dei personaggi, così distanti nei film, acquistavano senso nel momento in cui li accostavo… Credo che Oliveira sia un grande compositore» (Rita Azevedo Gomes).

Biografia

regista

Rita Azevedo Gomes

Rita Azevedo Gomes (Lisbona, Portogallo, 1952), dall'inizio degli anni '70 ha lavorato nel cinema con Manoel de Oliveira, in teatro e alla direzione artistica di varie opere. Nel frattempo si è anche dedicata alle arti grafiche, occupandosi di numerose edizioni. Il suo primo lungometraggio O Som da Terra a Tremer partecipa al Festival di Torino nel 1990. Dopo aver realizzato O Cinema Vai ao Teatro e Intromissões (sull'opera di Manoel de Oliveira), King Arthur e brevi film per la rete televisiva Ortf, realizza nel 2001 Frágil Como o Mundo presentato a Venezia, Torino, Roma, Toronto, e nel 2002 Altar, che vince il premio per la Miglior regia al Festival Internazionale di Angra, nelle Azzorre. Lavora alla Cinemateca Portuguesa, dove si occupa della programmazione e delle pubblicazioni.

FILMOGRAFIA

O Som da Terra a Tremer (1990), O Cinema Vai ao Teatro (cm, 1996), Intromissões (sobre a obra de Manoel de Oliveira)(cm, 1998), King Arthur (cm, 1999), Frágil Como o Mundo (2001), Altar (2002), A 15a Pedra: Manoel de Oliveira e João Bénard da Costa em Conversa Filmada (2004), A Conquista de Faro (cm, 2005).

Cast

& Credits

Regia: Rita Azevedo Gomes.
Montaggio: Rui del Negro (AZUL S.P.I.).
Telecinema: Jorge Lopes (ANIM).
Suono: Carlos Ferreira (Digitalmix).
Produzione: Cinemateca Portuguesa/Museu do Cinema.
Menu