28° TORINO FILM FESTIVAL
VITALIJ KANEVSKIJ

Kto bol’še. Le nouveaux entrepreneurs russes

The New Russian Entrepreneurs
di Vitalij Kanevskij
Nazione: Belgio, Francia
Anno: 1999
Durata: 55'


il più grande. i nuovi imprenditori russi [t.l.]   A otto anni dal collasso dell’Unione Sovietica, Misha, giovane imprenditore, è in cerca di legami che gli consentano di allargare il proprio giro di affari. Nella sua ricerca si imbatte in una galleria eterogenea di imprenditori che, dai più piccoli e sprovveduti ai più grandi e navigati, si scontrano con la pesante crisi economica. Si compone così un quadro composito e pieno di umorismo dell’influenza che le trasformazioni politiche, sociali ed economiche hanno avuto sullo spirito della Russia eterna.

Biografia

regista

Vitalij Kanevskij

Vitalij Evgen’evic Kanevskij  (Vladivostok, Russia, 1935)   Precocemente orfano del padre, musicista di origini polacche, colpito alla fronte da un proiettile vagante durante la Seconda guerra mondialel, si è ritrovato così a sette anni in Siberia, nella città di Sucan (denominata Partizansk in seguito all’eliminazione dei nomi cinesi dal territorio del Primorskij Kraj, il Territorio del Litorale, avvenuta nel 1972), dove la madre aveva deciso di trasferirsi in cerca di qualche opportunità per lei e i suoi due figli. Dopo alcuni anni di scuola, Kanevskij ha lasciato la città per andare in cerca di fortuna a Nikolaevsk-na-mure, dove, tra lavoro in fabbrica e studio serale, è riuscito a portare a termine un corso di formazione come saldatore specializzato. Ha iniziato quindi il lungo servizio militare. Nel 1960 ha cominciato a frequentare il Vgik (l’Istituto statale di cinematografia di Mosca),  ma poco prima del diploma, nel 1966, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale. Nonostante l’imputazione si sia rivelata poi infondata, ha scontato otto anni nei campi di prigionia. Nel 1974, dopo il carcere, l’amico cineasta, scrittore e artista Vasilij Šukšin lo ha aiutato a rientrare al Vgik e a trovare un lavoro come assistente a Minsk presso la Bielarus’fil’m, dove Kanevskij ha potuto realizzare Il grande segreto, episodio della serie televisiva Po sekretu vsemu svetu, che gli ha permesso di ottenere il diploma del Vgik nel 1977. Nello stesso anno si è trasferito a Leningrado dove ha lavorato non senza difficoltà per la Lenfil’m. Nel 1989 ha girato Sta’ fermo, muori e resuscita, presentato al Festival di Cannes nel 1990 e premiato con la Caméra d’or. Ha poi collaborato con il produttore francese Philippe Godeau per realizzare Una vita indipendente, seguito del film precedente e selezionato in concorso a Cannes nel 1992; nello stesso anno il ministro della cultura francese Jack Lang gli ha conferito l’onorificenza di “Chevalier des arts et des lettres”. Nel 1994 ha realizzato il documentario Nous, les enfants du XX siècle e, nel 1999 e nel 2002, altri due documentari dedicati alla nuova realtà della Russia postsovietica: Kto Bol’še e À l’automne d’une nouvelle vie. Nel 2005, ha scritto la sceneggiatura di un lungometraggio di finzione, Znak Sud’by [t.l. Segno del destino], pubblicata nell’almanacco cinematografico russo numero 6 del 2006 e nel 2009 ha ultimato la sceneggiatura per una serie televisiva in sette episodi, in collaborazione con lo sceneggiatore Eduard Volodarskij, che ha sostenuto Kanevskij fin dall’inizio della sua carriera. Si divide tra San Pietroburgo e Parigi, dove dal 1992 vive e lavora con la moglie Varvara Krasil’nikova, che ha collaborato a quasi tutti i suoi film, e con la figlia Katja.

Cast

& Credits

regia, sceneggiatura/director, screenplay

Vitalij Kanevskij  

fotografia/cinematography

Viktor Zubarev, Antoine-Marie Meert

montaggio/film editing

E. Gorskaja

suono/sound

Sergej Sinjak

produzione/production

Adr Productions, Cobra Film

coproduzione/coproduction

Carré Noir Rtbf, Images +


Menu