UN MONDO MEGLIO CHE NIENTE

di Cobol Pongide, Marco Santarelli
UN MONDO MEGLIO CHE NIENTE

Informazioni

Nazione: Italia

Anno: 2012

Durata: 39'

30° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Un esploratore spaziale approda su un pianeta un tempo abitato presumibilmente da umani. Come è usanza della sua specie, inizia un lavoro di documentazione del mondo appena scoperto. La somiglianza del pianeta alieno con quello d’origine lo spinge però a infrangere la procedura e a soggiornarvi per molto, forse troppo, tempo: in breve diventa la sentinella di quel mondo disabitato e incantato. Trascorsi molti anni ed essendosi spinto emotivamente oltre il proprio compito originario, l’esploratore sente d’aver concluso la sua missione di documentazione. Giunto però il momento di abbandonare il pianeta, farà una scoperta che lo costringerà nuovamente, e definitivamente, a tornare sui suoi passi. Protagonista Romano Talone, l’ultimo gelataio di sala rimasto a lavorare nei cinema della capitale.

Regia

Marco Santarelli

Marco Santarelli

Marco Santarelli (Roma), documentarista indipendente e regista televisivo per Rai e Sky, nel 2008 e nel 2009 ha girato i documentari Superluoghi. Viaggio in Italia e Storie di housing sociale. Viaggio in Europa. Nel 2009 ha presentato al Torino Film Festival Interporto, secondo film della trilogia dedicata al mondo dei trasporti inaugurata da GenovaTripoli. Con Scuolamedia ha vinto il premio Ucca al Torino Film Festival 2011, dove, l’anno successivo, ha ricevuto la menzione speciale per il cortometraggio fantascientifico Un mondo meglio che niente. Il suo ultimo documentario, Lettera al Presidente (2013), distribuito da Cinecittà-Luce, è stato presentato in concorso al Festival internazionale del film di Roma e al Festival di Rotterdam, ottenendo nel 2014 la menzione speciale ai Nastri d’argento.

Filmografia:
Superluoghi. Viaggio in Italia (doc., 2008), Storie di housing sociale. Viaggio in Europa (doc., 2009), GenovaTripoli (doc., 2009), Interporto (doc., 2009), Scuolamedia (doc., 2010), Milleunanotte (doc., 2012), Un mondo meglio che niente (cm, 2012), Lettera al Presidente (doc., 2013), Dustur (2015).

Cobol Pongide

Cobol Pongide

Cobol Pongide, musicista, giocattolista, videomaker e animatore, ha diretto con Marco Santarelli la docufiction Mondoratto (2006), presentata al Torino Film Festival, e la serie tv MondoPsicoTronico.
Nel 2011 ha partecipato al Circuito off della Mostra di Venezia con Il peggior ingaggio della mia vita.

Filmografia:
Cobol Pongide:
Il peggior ingaggio della mia vita (cm, 2011).

Cobol Pongide, Marco Santarelli:
Mondoratto (doc., 2006), MondoPsicoTronico (tv, 2006), Un mondo meglio che niente (cm, 2012).

Cast and Credits

regia, sceneggiatura, montaggio, musica, suono/directors, screenplay, film editing, music, sound Cobol Pongide, Marco Santarelli
interprete/cast Romano Talone
produzione/production Otto Filmaker

Dichiarazione regista

«Ho assecondato un lato del mio carattere: prendermi cura delle cose che qualcuno, come voi, aveva gettate. Io sono fatto così; ed essere così è meglio che esser niente». (Romano Talone)

Premi Scopri i premi conferiti
Sinossi Approfondisci

Un esploratore spaziale approda su un pianeta un tempo abitato presumibilmente da umani. Come è usanza della sua specie, inizia un lavoro di documentazione del mondo appena scoperto. La somiglianza del pianeta alieno con quello d’origine lo spinge però a infrangere la procedura e a soggiornarvi per molto, forse troppo, tempo: in breve diventa la sentinella di quel mondo disabitato e incantato. Trascorsi molti anni ed essendosi spinto emotivamente oltre il proprio compito originario, l’esploratore sente d’aver concluso la sua missione di documentazione. Giunto però il momento di abbandonare il pianeta, farà una scoperta che lo costringerà nuovamente, e definitivamente, a tornare sui suoi passi. Protagonista Romano Talone, l’ultimo gelataio di sala rimasto a lavorare nei cinema della capitale.

Regia Tutto sui registi del film

Marco Santarelli

Marco Santarelli

Marco Santarelli (Roma), documentarista indipendente e regista televisivo per Rai e Sky, nel 2008 e nel 2009 ha girato i documentari Superluoghi. Viaggio in Italia e Storie di housing sociale. Viaggio in Europa. Nel 2009 ha presentato al Torino Film Festival Interporto, secondo film della trilogia dedicata al mondo dei trasporti inaugurata da GenovaTripoli. Con Scuolamedia ha vinto il premio Ucca al Torino Film Festival 2011, dove, l’anno successivo, ha ricevuto la menzione speciale per il cortometraggio fantascientifico Un mondo meglio che niente. Il suo ultimo documentario, Lettera al Presidente (2013), distribuito da Cinecittà-Luce, è stato presentato in concorso al Festival internazionale del film di Roma e al Festival di Rotterdam, ottenendo nel 2014 la menzione speciale ai Nastri d’argento.

Filmografia:
Superluoghi. Viaggio in Italia (doc., 2008), Storie di housing sociale. Viaggio in Europa (doc., 2009), GenovaTripoli (doc., 2009), Interporto (doc., 2009), Scuolamedia (doc., 2010), Milleunanotte (doc., 2012), Un mondo meglio che niente (cm, 2012), Lettera al Presidente (doc., 2013), Dustur (2015).

Cobol Pongide

Cobol Pongide

Cobol Pongide, musicista, giocattolista, videomaker e animatore, ha diretto con Marco Santarelli la docufiction Mondoratto (2006), presentata al Torino Film Festival, e la serie tv MondoPsicoTronico.
Nel 2011 ha partecipato al Circuito off della Mostra di Venezia con Il peggior ingaggio della mia vita.

Filmografia:
Cobol Pongide:
Il peggior ingaggio della mia vita (cm, 2011).

Cobol Pongide, Marco Santarelli:
Mondoratto (doc., 2006), MondoPsicoTronico (tv, 2006), Un mondo meglio che niente (cm, 2012).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, sceneggiatura, montaggio, musica, suono/directors, screenplay, film editing, music, sound Cobol Pongide, Marco Santarelli
interprete/cast Romano Talone
produzione/production Otto Filmaker

Dichiarazione regista Approfondisci

«Ho assecondato un lato del mio carattere: prendermi cura delle cose che qualcuno, come voi, aveva gettate. Io sono fatto così; ed essere così è meglio che esser niente». (Romano Talone)