Torino Film Festival

Chi siamo

Il Torino Film Festival nasce nel 1982 come Festival Internazionale Cinema Giovani, o più semplicemente Cinema Giovani. Fondato dal professor Gianni Rondolino, il festival si contraddistingue fin dall’inizio per l’attenzione alle nuove forme e nuove tendenze del cinema diventando una realtà di riferimento in Italia e all’estero. Anno dopo anno si afferma come luogo deputato al sostegno del cinema indipendente, delle opere prime e seconde, della produzione documentaria e della sperimentazione linguistica, oltre a portare avanti il lavoro di ricerca sulla storia del cinema attraverso numerose e approfondite retrospettive.

Dal 1989 a 1998 la manifestazione è stata diretta da Alberto Barbera continuando a seguire l’idea iniziale di unire “pratiche alte” e “pratiche basse” del cinema, come amava dire il professor Rondolino. A Barbera succedono negli anni Stefano della Casa, Giulia d’Agnolo Vallan e Roberto Turigliatto, Nanni Moretti, Gianni Amelio, Paolo Virzì ed Emanuela Martini. Nel dicembre 2019 viene nominato direttore Stefano Francia di Celle, che avvia una nuova stagione accogliendo lo spirito di rinnovamento che fa parte del patrimonio del festival.

Nel corso della sua storia il Torino Film Festival ha avuto il piacere di ospitare grandi personalità del cinema mondiale come Francis Ford Coppola, Wim Wenders, Claude Chabrol, John Carpenter, Manoel De Oliveira, Aleksandr Sokurov, Emir Kusturica, William Friedkin, Walter Hill, Dario Argento, Oliver Stone, Kelly Reichardt, Michael Haneke, Joe Dante, John Landis, Greta Gerwig. La vera natura del festival è stata però soprattutto quella di scoprire o far conoscere in Italia autori emergenti come Luca Guadagnino, Nicholas Winding Refn, Lav Diaz, Pablo Larraín, Miguel Gomes, Josephine Decker, Lucien Castaing-Taylor e Verena Paravel, Pietro Marcello, Lisandro Alonso, Albert Serra, Alain Guiraudie.

Il clima politico e culturale nel quale il festival è nato ha inoltre continuato ad alimentare negli anni la proposta di un cinema di ricerca e d’impegno militante, espresso nelle varie sezioni del programma dalla presenza di autori – giovani o già affermati – come Jean-Marie Straub e Danielle Huillet, Daniele Gaglianone, Matteo Garrone, Ken Jacobs, Ben Russell, Teresa Villaverde, Amir Naderi, Júlio Bressane, Robert Guédiguian, Jean-Daniel Pollet.

A partire dal 2006, il Torino Film Festival è organizzato dal Museo Nazionale del Cinema al quale afferiscono oggi altri festival di importanza internazionale come CinemAmbiente e Lovers Film Festival oltre al TorinoFilmLab, il laboratorio di formazione e sviluppo di progetti cinematografici.

Dislocato in diversi punti della città, il Torino Film Festival si rivolge a un pubblico che è espressione della ricchezza e della diversità della città di Torino. Ciò che rende unica la manifestazione è infatti proprio la sua attenzione per la diversità, la collaborazione e l’innovazione, che attirano una comunità appassionata di autori e di cinefili accomunati dalla volontà di celebrare il potere del cinema di unirci e ispirarci.

Quest’anno il Torino Film Festival celebra la sua 38ª edizione a seguito di una pandemia globale senza precedenti, che ha ribadito l’importanza degli artisti, delle comunità e della narrazione cinematografica. Accettando la sfida di organizzare l’evento, il Festival si impegna proprio a celebrare la capacità del cinema di elevare, unificare e ispirare il pubblico, la comunità locale e la famiglia internazionale dei registi.

Menu