LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO, CONVERSAZIONE CON ALDA MERINI

di Antonietta De Lillo
THE CRAZY WOMAN NEXT-DOOR - LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO, CONVERSAZIONE CON ALDA MERINI

Informazioni

Nazione: Italia

Anno: 2013

Durata: 50'

31° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Alda Merini racconta la propria vita in una narrazione intima e familiare, oscillando tra pubblico e privato e soffermandosi sui capitoli più significativi della sua esistenza: l’infanzia, la femminilità, gli amori, la maternità e il rapporto con i figli, la follia e la lucida riflessione sulla poesia e sull’arte. Il volto della poetessa e i dettagli di occhi, mani e corpo ne compongono un ritratto che non nasconde le contraddizioni di una tra le più importanti e note figure letterarie del secolo scorso.

All’interno del programma sarà proiettato Frammenti d’amore per il film partecipato: materiali d’archivio, opere di animazione, filmini di matrimoni, documentari, lavori ancora in lavorazione, che andranno a comporre Oggi insieme domani Anche, secondo film «partecipato» della marechiarofilm, dedicato ai temi dell’amore e della separazione nella società italiana contemporanea.

Regia

Antonietta De Lillo

Antonietta De Lillo

Antonietta De Lillo (Napoli, 1960) inizia a lavorare come fotoreporter per poi dirigere nel 1985, con Giorgio Magliulo, Una casa in bilico, Nastro d’argento come migliore opera prima. Tra il 1992 e il 1999 realizza diversi documentari e videoritratti, tra cui Ogni sedia ha il suo rumore, dedicato ad Alda Merini. Con Racconti di Vittoria (1995) ottiene il premio Fedic e quello del Sindacato critici cinematografici a Venezia, mentre con Non è giusto partecipa al Festival di Locarno. Il resto di niente (2004), presentato a Venezia, vince tre David di Donatello e il premio Flaiano per la sceneggiatura. Nel 2007 fonda la casa di produzione e distribuzione Marechiarofilm, con cui firma La pazza della porta accanto e Let’s Go, presentati al Torino Film Festival nel 2013 e nel 2014.

Filmografia:
Angelo Novi fotografo di scena (doc., 1992), Promessi sposi (doc., 1993), Ogni sedia ha il suo rumore (doc., 1995), Viento ‘e Terra (1996), Il faro (2000), Non è giusto (2001), Pianeta Tonino (2002), Il resto di niente (2004), Il pranzo di Natale (2011), Oggi insieme, domani anche (2013), La pazza della porta accanto (mm, doc., 2013), Let’s Go (cm, doc., 2014), Oggi insieme domani anche (doc., 2015).

Cast and Credits

REGIA
Antonietta De Lillo
MONTAGGIO
Valeria Sapienza
MUSICA
Philippe Sarde, Ascanio Celestini
INTERPRETE 
Alda Merini
PRODUZIONE
marechiarofilm

Dichiarazione regista

«Da quando realizzai Ogni sedia ha il suo rumore nel 1995 ho sempre avuto nel cuore l’dea di recuperare il materiale prezioso “rimasto nel cassetto” dell’incontro con Alda Merini. Un materiale che in quel lavoro si intrecciava con la performance di Licia Maglietta, tagliando inevitabilmente fuori la parte della conversazione con Alda Merini. A distanza di quasi vent’anni, grazie alla collaborazione di Rai Cinema, questo materiale è stato finalmente recuperato ed è diventato La pazza della porta accanto, un lavoro che restituisce integralmente quello straordinario incontro».

Sinossi Approfondisci

Alda Merini racconta la propria vita in una narrazione intima e familiare, oscillando tra pubblico e privato e soffermandosi sui capitoli più significativi della sua esistenza: l’infanzia, la femminilità, gli amori, la maternità e il rapporto con i figli, la follia e la lucida riflessione sulla poesia e sull’arte. Il volto della poetessa e i dettagli di occhi, mani e corpo ne compongono un ritratto che non nasconde le contraddizioni di una tra le più importanti e note figure letterarie del secolo scorso.

All’interno del programma sarà proiettato Frammenti d’amore per il film partecipato: materiali d’archivio, opere di animazione, filmini di matrimoni, documentari, lavori ancora in lavorazione, che andranno a comporre Oggi insieme domani Anche, secondo film «partecipato» della marechiarofilm, dedicato ai temi dell’amore e della separazione nella società italiana contemporanea.

Regia Tutto sui registi del film

Antonietta De Lillo

Antonietta De Lillo

Antonietta De Lillo (Napoli, 1960) inizia a lavorare come fotoreporter per poi dirigere nel 1985, con Giorgio Magliulo, Una casa in bilico, Nastro d’argento come migliore opera prima. Tra il 1992 e il 1999 realizza diversi documentari e videoritratti, tra cui Ogni sedia ha il suo rumore, dedicato ad Alda Merini. Con Racconti di Vittoria (1995) ottiene il premio Fedic e quello del Sindacato critici cinematografici a Venezia, mentre con Non è giusto partecipa al Festival di Locarno. Il resto di niente (2004), presentato a Venezia, vince tre David di Donatello e il premio Flaiano per la sceneggiatura. Nel 2007 fonda la casa di produzione e distribuzione Marechiarofilm, con cui firma La pazza della porta accanto e Let’s Go, presentati al Torino Film Festival nel 2013 e nel 2014.

Filmografia:
Angelo Novi fotografo di scena (doc., 1992), Promessi sposi (doc., 1993), Ogni sedia ha il suo rumore (doc., 1995), Viento ‘e Terra (1996), Il faro (2000), Non è giusto (2001), Pianeta Tonino (2002), Il resto di niente (2004), Il pranzo di Natale (2011), Oggi insieme, domani anche (2013), La pazza della porta accanto (mm, doc., 2013), Let’s Go (cm, doc., 2014), Oggi insieme domani anche (doc., 2015).

Cast and Credits Scopri il cast del film

REGIA
Antonietta De Lillo
MONTAGGIO
Valeria Sapienza
MUSICA
Philippe Sarde, Ascanio Celestini
INTERPRETE 
Alda Merini
PRODUZIONE
marechiarofilm

Dichiarazione regista Approfondisci

«Da quando realizzai Ogni sedia ha il suo rumore nel 1995 ho sempre avuto nel cuore l’dea di recuperare il materiale prezioso “rimasto nel cassetto” dell’incontro con Alda Merini. Un materiale che in quel lavoro si intrecciava con la performance di Licia Maglietta, tagliando inevitabilmente fuori la parte della conversazione con Alda Merini. A distanza di quasi vent’anni, grazie alla collaborazione di Rai Cinema, questo materiale è stato finalmente recuperato ed è diventato La pazza della porta accanto, un lavoro che restituisce integralmente quello straordinario incontro».