AL-RAKIB AL-KHALED

di Ziad Kalthoum
THE IMMORTAL SERGEANT

Informazioni

Nazione: Siria

Anno: 2013

Durata: 75'

32° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

A Damasco, il regista siriano Mohammad Malas sta girando un film. La guerra è ovunque, nei brandelli di città attraverso cui si muove la troupe, nei discorsi delle persone che lavorano al film, ognuna con le proprie storie e perdite alle spalle. Ognuna intenta a chiedersi cosa accadrà e a pensare con speranza al domani.

Regia

Ziad Kalthoum

Ziad  Kalthoum

Ziad Kalthoum (Homs, Siria, 1981) si è laureato in cinema e ha lavorato come assistente alla regia di numerose serie, programmi televisivi e film, tra cui Ladder to Damascus di Mohammad Malas (2013). Nel 2011 ha girato il suo primo documentario, Oh, My Heart, presentato al Festival del cinema di Cartagine.

Filmografia:
Aydil (Oh, My Heart, doc., 2011), Al-rakib al-khaled (The Immortal Sergeant, doc., 2013). 

Cast and Credits

regia, sceneggiatura, fotografia/director, screenplay, cinematography
Ziad Kalthoum
montaggio/film editing
Firas Jawad, Marwan Ziadeh
musica/music
The silver MT zion, Bononbo
suono/sound
Nadime Mishlawi

contatti/contacts
Crystal Films
Dima AL-Joundi
+961 369 59 88
crystalf@cyberia.net.lb 

Dichiarazione regista

«Il servizio militare era finito. Io ero riservista dell’esercito in un Paese in piena rivoluzione. Bloccato per un intero anno in attesa del congedo, senza alcuna speranza all’orizzonte. Ero un sergente. E mi hanno assegnato al cinema Bassel Al Assad di Damasco. Lavoro come assistente alla regia del mio amico Mohammad Malas e con la videocamera cerco di documentare la nostra quotidianità. Gli operatori tecnici, quasi dell’opposizione, mi raccontano le loro storie. Alcuni nei bombardamenti hanno perso la casa, altri sono emigrati e non sanno dove andranno a finire, altri hanno visto i loro amici morire ammazzati. Ogni giorno torno a casa, mi siedo e guardo il notiziario: distruzione, violenza, bombe… Sorge il sole, ancora una volta mi alzo, infilo l’uniforme, vado alla base militare e inizia un nuovo giorno».

Sinossi Approfondisci

A Damasco, il regista siriano Mohammad Malas sta girando un film. La guerra è ovunque, nei brandelli di città attraverso cui si muove la troupe, nei discorsi delle persone che lavorano al film, ognuna con le proprie storie e perdite alle spalle. Ognuna intenta a chiedersi cosa accadrà e a pensare con speranza al domani.

Regia Tutto sui registi del film

Ziad Kalthoum

Ziad  Kalthoum

Ziad Kalthoum (Homs, Siria, 1981) si è laureato in cinema e ha lavorato come assistente alla regia di numerose serie, programmi televisivi e film, tra cui Ladder to Damascus di Mohammad Malas (2013). Nel 2011 ha girato il suo primo documentario, Oh, My Heart, presentato al Festival del cinema di Cartagine.

Filmografia:
Aydil (Oh, My Heart, doc., 2011), Al-rakib al-khaled (The Immortal Sergeant, doc., 2013). 

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, sceneggiatura, fotografia/director, screenplay, cinematography
Ziad Kalthoum
montaggio/film editing
Firas Jawad, Marwan Ziadeh
musica/music
The silver MT zion, Bononbo
suono/sound
Nadime Mishlawi

contatti/contacts
Crystal Films
Dima AL-Joundi
+961 369 59 88
crystalf@cyberia.net.lb 

Dichiarazione regista Approfondisci

«Il servizio militare era finito. Io ero riservista dell’esercito in un Paese in piena rivoluzione. Bloccato per un intero anno in attesa del congedo, senza alcuna speranza all’orizzonte. Ero un sergente. E mi hanno assegnato al cinema Bassel Al Assad di Damasco. Lavoro come assistente alla regia del mio amico Mohammad Malas e con la videocamera cerco di documentare la nostra quotidianità. Gli operatori tecnici, quasi dell’opposizione, mi raccontano le loro storie. Alcuni nei bombardamenti hanno perso la casa, altri sono emigrati e non sanno dove andranno a finire, altri hanno visto i loro amici morire ammazzati. Ogni giorno torno a casa, mi siedo e guardo il notiziario: distruzione, violenza, bombe… Sorge il sole, ancora una volta mi alzo, infilo l’uniforme, vado alla base militare e inizia un nuovo giorno».