Nazione: USA
Anno: 1932
Durata: 80'


Incoraggiato dalla fortuna ottenuta dal suo Studio con i film sonori, dopo il fenomenale successo di The Jazz Singer nel 1927, Jack L. Warner della Warner Bros. individuò nel Technicolor la prossima novità per attirare il pubblico del cinema. (Si trattava del sistema originale a due colori introdotto nel 1922 dal Dr. Herbert Kalmus e da un gruppo di ricercatori di Boston, e non il più realistico Technicolor a tre colori introdotto dieci anni dopo). Warner firmò contratti per più di 20 lungometraggi da realizzare in Technicolor, e altri produttori e studi (inclusa la Paramount, che produsse Vagabond King) lo seguirono. I limiti del sistema a due colori, il quale riproduceva ogni cosa nelle tonalità di rosso-arancio e blu-verde, diventò peraltro sempre più evidente per il pubblico e per coloro che facevano i film, e la produzione di pellicole a due colori terminò quasi interamente nei primi anni '30, mentre il Dr. Kalmus e i suoi colleghi si concentravano sul perfezionamento del sistema a tre colori. La Warner Bros. fu una delle ultime compagnie a realizzare film con il vecchio processo. Doctor X e il lungometraggio Mystery of the Wax Museum ad esso abbinato (anche questo diretto da Michael Curtiz e interpretato da Lionel Atwill e Fay Wray), usavano l'artificialità del Technicolor a due colori per ottenere dei buoni risultati in storie dell'orrore senza pretese di realismo. In Doctor X un misterioso killer conosciuto come Full Moon Strangler sconcerta la polizia. La vicenda, a tratti futile e a tratti ripugnante, trae vantaggio in modo considerevole dall'agile direzione di Curtiz, la quale raramente indugia abbastanza a lungo da permetterci di considerare l'assurdità delle situazioni. Le atmosfere degli scenari di Anton Grot e lo speciale trucco applicato da Max Factor sul volto del killer (nessuno tra coloro che hanno visto questo film potrà dimenticare la scena della trasformazione e il grido di esultanza del killer, "carne sintetica"!) contribuiscono a formare lo spirito di questa fiaba dell'orrore. (Charles Hopkins)

Biografia

regista

Michael Curtiz

Cast

& Credits

Regia: Michael Curtiz.
Sceneggiatura: Robert Tasker e Earl Baldwin, dalla commedia di Howard W. Comstock e Allen C. Mille.
Fotografia: Ray Rennahan.
Montaggio: George Amy.
Scenografia: Anton Grot.
Musica: Bernhard Kaun. La Vitaphone Orchestra è diretta da Leo F. Forbstein.
Suono: Rob Lee.
Trucco: Max Factor.
Interpreti e personaggi: Lionel Atwill (dottor Xavier), Fay Wray (Joan Xavier), Lee Tracy (Lee Taylor), Preston Foster (professor Graham Wells), John Wray (professor Haines), Harry Beresford (professor Duke), Arthur Edmund Carewe (dottor Rowitz), Leila Bennett (Mamie), Robert Warwick (il commissario Stevens), George Rosener (Otto), Willard Robertson (ispettore O'Halloran), Thomas Jackson (cronista), Harry Holman (il poliziotto Mike), Mae Busch (signora), Tom Dugan (sceriffo), Selmer Jackson (direttore del giornale), Josephine Gillerman (donna assassinata).
Produzione: First National Pictures.

Conservazione e restauro: Realizzati dall'UCLA sulla stampa originale in Technicolor a 35mm.

Preservation history: Preserved at UCLA from original 35mm nitrate Technicolor print.
Menu
X
X