16° TORINO FILM FESTIVAL
Primo Piano - Michael Haneke

LEMMINGE - Prima parte / Part one: ARKADIEN

ARCADIA
di Michael Haneke
Nazione: Austria, RFT
Anno: 1979
Durata: 113'


Autunno 1959 a Wiener Neustadt, Bassa Austria. Cinque giovani tra i 17 e i 18 anni cercano di farsi strada nell'ambiente opprimente della loro cittadina. Le conseguenze saranno per lo più fatali. La relazione tra Fritz Naprawnik e Gisela, moglie del suo professore di latino, fallisce; Gisela tenta il suicidio e poi si riconcilia con il marito. Sigrid e Sigurd Leuwen, che sembrano condannati a fare eternamente musica in famiglia in una grande villa signorile, accanto a una madre inchiodata a letto e a un padre autoritario e paraplegico, si rifugiano in piccoli atti di vandalismo. Quando viene colto sul fatto, Sigurd si suicida; Sigrid lascia la citt` e si trasferisce a Vienna. Evi Wasner e Christian Beranek fanno l'amore per la prima volta e la ragazza resta incinta. Anche lei tenta, a malincuore, il suicidio. I due dovranno sposarsi, volenti o nolenti.

Biografia

regista

Michael Haneke

Nato a Monaco il 23 marzo 1942, figlio dell'attrice austriaca Beatrix von Degenschild e del regista e attore Fritz Haneke, di Düsseldorf, il giovane Michael trascorre la giovinezza a Wiener Neustadt (Bassa Austria) dove frequenta il ginnasio locale e si diploma nel 1962. Fallito il progetto di studiare recitazione al Reinhardt-Seminar di Vienna, così come quello di diventare pianista, si iscrive alla facoltà di Psicologia e Filosofia dell'Università di Vienna. Tenta la via della scrittura (Persephone, un racconto) e, accanto allo studio, lavora come critico cinematografico e letterario.
Dal 1967 al 1971 è impegnato come redattore e drammaturgo televisivo al canale tv Südwestfunk (SWF) di Baden-Baden. A quest'epoca risale la sua prima sceneggiatura, tuttora irrealizzata: Wochenende.
All'inizio degli anni '70 debutta come regista teatrale allo Stadttheater di Baden-Baden con Ganze Tage in den Bäumen (Des Jours entieres dans les arbres) di Marguerite Duras. Seguono altre regie teatrali a Darmstadt, Düsseldorf, Francoforte, Stoccarda, Berlino, Amburgo, Monaco e Vienna; Haneke mette in scena pièces di Strindberg, Goethe, Hebbel, Enquist, Bruckner, Kleist e altri.
Del 1974 è il suo primo film televisivo: ...und was kommt danach? (After Liverpool), da un testo di James Saunders. Seguono: Sperrmüll (1976); Drei Wege zum See (1976, da Ingeborg Bachmann); Lemminge (1979, in due parti); Variation (1983); Wer war Edgar Allan? (1984, da Peter Rosei) e Fräulein - ein deutsches Melodram (1986).
Di Schmutz (1986), debutto come regista dell'attore Paulus Manker, Haneke cura i dialoghi. A metà degli anni '80 scrive anche la sceneggiatura Der Kopf des Mohren, che verrà realizzata solo nel 1995, sempre per la regia di Manker.
Nel 1989 viene invitata a Cannes la sua opera-prima per grande schermo: Der siebente Kontinent. Il film è invitato a molti altri festival cinematografici, riceve numerosi premi (per esempio a Locarno) e nel 1990 viene presentato a New York nella rassegna New Directors / New Films.
Nel 1990 Haneke scrive la sceneggiatura per un film di fantascienza non ancora realizzato, Wolfszeit, e lo script di Die Klavierspielerin, dall'omonimo romanzo di Elfriede Jelinek.
Il film sperimentale tv Nachruf für einen Mörder (1991) affronta un tema che sarà al centro anche di tutte le sue successive opere cinematografiche: la violenza e i media. Benny's Video (1992) e 71 Fragmente einer Chronologie des Zufalls (1994) - entrambi presentati alla Quinzaine di Cannes - procurano definitivamente al regista la fama internazionale, ottenendo vari riconoscimenti e premi della critica.
Nel 1995 Haneke è uno dei registi scelti per la realizzazione dei brevi episodi componenti Lumière et compagnie, con cui commemorare i cento anni dalla nascita del cinema.
Tra un film e l'altro, Haneke continua a lavorare anche per la televisione. I suoi adattamenti da opere letterarie Die Rebellion (1993, da Joseph Roth) e Das Schloß (1997, da Franz Kafka) si distinguono tra i migliori esempi di tv-movie europeo.
Nel 1997, per la prima volta, partecipa a Cannes in concorso con Funny Games, certamente la sua opera più problematica e più discussa a livello internazionale.
Michael Haneke vive a Katzelsdorf, in Bassa Austria.

FILMOGRAFIA

Regista/Director: ...und was kommt danach? (After Liverpool) [... What Happens Afterwards? (After Liverpool) / ... e poi che accade? (Dopo Liverpool), tv, 1974], Sperrmüll (Junkyard Rubbish / Roba vecchia da portare via, tv, 1976), Drei Wege zum See (Three Paths to the Lake / Tre sentieri per il lago, tv, 1976), Lemminge (Arkadien + Verletzungen) [Lemmings (part one: Arcadia; part two: Wounds / Lemming (prima parte: Arcadia, seconda parte: Ferite), tv, 1979], Variation (Variazione, tv, 1983), Wer war Edgar Allan? (Who Was Edgar Allan? / Chi era Edgar Allan?, tv, 1984), Fräulein - ein deutsches Melodram (Fräulein - a German Melodrama / Ragazza - un melodramma tedesco, tv, 1986), Der siebente Kontinent (The Seventh Continent / Il settimo continente, 1989), Nachruf für einen Mörder (Obituary for a Murder / Necrologio per un assassino, tv, 1991), Benny's Video (Il video di Benny, 1992), Die Rebellion (The Rebellion / La ribellione, tv, 1993), 71 Fragmente einer Chronologie des Zufalls (71 Fragments of a Chronology of the Case / 71 frammenti di una cronologia del caso, 1994), Lumière et compagnie (ep., 1995), Das Schloß (The Castle / Il castello, tv, 1997), Funny Games (id., 1997).

Sceneggiatore/Screenwriter: Schmutz (Dirt / Sporcizia, 1986) di Paulus Manker, Der Kopf des Mohren (The Moor's Head / La testa del moro, 1995) di Paulus Manker.

Attore/Actor: Charms Zwischenfälle (Charm's Mishaps / I casi di Charms, 1996) di Michael Kreihsl.

Cast

& Credits

Regia e sceneggiatura: Michael Haneke.
Fotografia: Jerzy Lipman, Walter Kindler.
Costumi: Barbara Langbein.
Scenografia: Peter Manhardt.
Suono: Johannes Paiha.
Musica: Franz Schubert, Ludwig van Beethoven, Alexander Steinbrecher.
Montaggio: Marie Homolkova.
Interpreti e personaggi: Regina Sattler (Evi Wasner), Christian Ingomar (Christian Beranek), Eva Linder (Sigrid Leuwen), Paulus Manker (Sigurd Leuwen), Christian Spatzek (Fritz Naprawnik), Elisabeth Orth (Gisela Schäfer).
Produzione: Schönbrunn-Film per Österreichischer Rundfunk (ORF); Sender Freies Berlin (SFB).

© 2021 Torino Film Festival

 

Menu