17° TORINO FILM FESTIVAL
Sopralluoghi Italiani 1999

Steve plays Duke

di Daniele Ciprì, Franco Maresco
Nazione: Italia
Anno: 1999
Durata: 45'


L'incontro tra Steve Lacy e Ciprì e Maresco risale al 1996, quando i due autori palermitani realizzano il mediometraggio A memoria, sulle cui immagini il musicista americano improvvisa con il suo sax soprano. In quell'occasione, Ciprì e Maresco girano un videodocumentario in cui lo stesso Steve Lacy racconta i suoi esordi nel mondo del jazz, nelle vesti di fotografo prima e di jazzista poi, suonando il Dixieland con musicisti del calibro di Pee Wee Russell e Red Allen, e ancora, le prime, fondamentali esperienze con i suoi maestri: Cecil Taylor e Thelonious Monk. Su invito di Ciprì e Maresco, Steve Lacy torna a Palermo nel 1999, per rendere omaggio a Duke Ellington nel centenario della sua nascita: nel video, il jazzista americano parla della musica del "Duca" e dei suoi musicisti (Johnny Hodges in testa) e dell'enorme influenza da lui esercitata sul jazz moderno. I due registi si sentono particolarmente legati a Steve plays Duke perché considerano questo breve film un'importantissima testimonianza musicale, in cui Lacy interpreta da solo, al sax soprano e senza alcuna sezione ritmica, dieci pezzi classici del repertorio ellingtoniano. E risulta davvero eccezionale riascoltare l'inconfondibile sound del più importante sassofonista del jazz contemporaneo internazionale.

Biografia

regista

Daniele Ciprì

Daniele Ciprì (Palermo, 1962) e Franco Maresco (Palermo, 1958) iniziano a collaborare nel 1986, realizzando micro-montaggi con frammenti di film e altri brevi lavori in video. Nel 1990 i corti di Cinico TV approdano a Fuori Orario di enrico grezzi. Seguiranno Blob e Avanzi. Del 1995 è il loro primo lungometraggio Lo zio di Brooklyn, che mostra una Palermo periferica e desertificata. Da allora hanno realizzato altri due lungometraggi: nel 1998 Totò che visse due volte e, nel 2003, Il ritorno di Cagliostro. Nel 2002 debuttano in teatro alla Biennale di Venezia con Palermo può attendere. Nel 2004 presentano a Venezia Come inguaiammo il cinema italiano - La vera storia di Franco e Ciccio.

FILMOGRAFIA

Il lato estremo del visibile (cm, 1986), Così (cm, 1989), Pasta e patate (1989), Mai (cm, 1989), Isole comprese (cm, 1990), Illuminati (1990), Loro di Palermo (cm, 1990), Omaggio a E. (cm, 1990), Più liberi con la mafia (1990), Seicortosei (1991), Addio o a rivederci (1991), Santa Maria (1991), Home (1991), Stanley's Room No. 1 e No. 2 (1991), Pel di carota (1991), Verso Vertov: frammenti necropolitani (1991), Martin a Little... (1992), Il corridoio della paura (1992), Muri (1992), Cani (1992), Keller (1992), Blob Cinico Tv (1992), Publimania (1994), Cielito lindo (1995), Lo zio di Brooklyn (1995), Grazie Lia - Breve inchiesta a proposito di Santa Rosalia (1996), A Memoria (1996), Totò che visse due volte (1998), Steve Plays Duke (1999), Noi e il Duca (1999), El sentimento cinico de la vida. Dieci anni di Cinico Tv (1989-1999) (1999), Ai Rotoli (2000), Il ritorno di Cagliostro (video, 2000), Tutti for Louis - Omaggio a Louis Armstrong (2000), Miles gloriosus (2001), Siamo davvero pietosi (2001), Il ritorno di Cagliostro (2003), Che fine ha fatto Pino Grisanti? - Ciprì e Maresco alla ricerca di un maestro incompreso (cm, 2003), Come inguaiammo il cinema italiano - La vera storia di Franco e Ciccio (2004), L'Opè incatenato (cm, 2004).

Franco Maresco

Daniele Ciprì (Palermo, 1962) e Franco Maresco (Palermo, 1958) iniziano a collaborare nel 1986, realizzando micro-montaggi con frammenti di film e altri brevi lavori in video. Nel 1990 i corti di Cinico TV approdano a Fuori Orario di enrico grezzi. Seguiranno Blob e Avanzi. Del 1995 è il loro primo lungometraggio Lo zio di Brooklyn, che mostra una Palermo periferica e desertificata. Da allora hanno realizzato altri due lungometraggi: nel 1998 Totò che visse due volte e, nel 2003, Il ritorno di Cagliostro. Nel 2002 debuttano in teatro alla Biennale di Venezia con Palermo può attendere. Nel 2004 presentano a Venezia Come inguaiammo il cinema italiano - La vera storia di Franco e Ciccio.

FILMOGRAFIA

Il lato estremo del visibile (cm, 1986), Così (cm, 1989), Pasta e patate (1989), Mai (cm, 1989), Isole comprese (cm, 1990), Illuminati (1990), Loro di Palermo (cm, 1990), Omaggio a E. (cm, 1990), Più liberi con la mafia (1990), Seicortosei (1991), Addio o a rivederci (1991), Santa Maria (1991), Home (1991), Stanley's Room No. 1 e No. 2 (1991), Pel di carota (1991), Verso Vertov: frammenti necropolitani (1991), Martin a Little... (1992), Il corridoio della paura (1992), Muri (1992), Cani (1992), Keller (1992), Blob Cinico Tv (1992), Publimania (1994), Cielito lindo (1995), Lo zio di Brooklyn (1995), Grazie Lia - Breve inchiesta a proposito di Santa Rosalia (1996), A Memoria (1996), Totò che visse due volte (1998), Steve Plays Duke (1999), Noi e il Duca (1999), El sentimento cinico de la vida. Dieci anni di Cinico Tv (1989-1999) (1999), Ai Rotoli (2000), Il ritorno di Cagliostro (video, 2000), Tutti for Louis - Omaggio a Louis Armstrong (2000), Miles gloriosus (2001), Siamo davvero pietosi (2001), Il ritorno di Cagliostro (2003), Che fine ha fatto Pino Grisanti? - Ciprì e Maresco alla ricerca di un maestro incompreso (cm, 2003), Come inguaiammo il cinema italiano - La vera storia di Franco e Ciccio (2004), L'Opè incatenato (cm, 2004).

Cast

& Credits

Regia, soggetto, sceneggiatura: Daniele Ciprì, Franco Maresco.
Musica: Duke Ellington e Steve Lacy.
Produzione e distribuzione: Cinico Cinema, via Leanti 5, 90141 Palermo, tel. e fax +30-091-6251946.
Menu
X
X