Nazione: Italia
Anno: 2000
Durata: 76'


Montaggio di materiale d'archivio Rai e immagini provenienti da tutto il mondo per uno sguardo analitico su guerre, carestie, esodi, separazioni, incontri. Ad esse si sovrappone il racconto di una messa in scena teatrale di Mario Martone, l'Edipo re di Sofocle, realizzata al teatro Argentina di Roma con la partecipazione di un coro di emigranti, donne e uomini giunti in Italia nei modi più diversi: marginali, integrati, poveri, colti oppure ignoranti, rom, curdi, slavi, kosovari, maghrebini, africani. Da un paese come l'Italia, il racconto della contemporaneit` migrante alla ricerca affannosa e spesso dolorosa di un posto dove potersi fermare a vivere con dignit`.

Biografia

regista

Mario Martone

Mario Martone (Napoli, 1959), regista di teatro e di cinema, ha cominciato a lavorare nel 1977, nel clima delle avanguardie di quel periodo, fondando il gruppo Falso Movimento e realizzando spettacoli che fondevano gli elementi del teatro, del cinema e delle arti visive. Dieci anni dopo ha fondato Teatri Uniti, una compagnia tesa all'incontro tra gli artisti napoletani della nuova generazione, con cui ha realizzato da indipendente anche i suoi film. Il suo primo lungometraggio, Morte di un matematico napoletano, ha vinto il Gran premio della Giuria a Venezia nel 1992. I successivi L'amore molesto e Teatro di guerra sono stati entrambi presentati a Cannes. Ha messo in scena teatro classico e lirico. Tra il 1999 e il 2000 ha diretto il Teatro di Roma, dove ha compiuto un lavoro di radicale cambiamento della programmazione, dando spazio alle arti e al «nuovo teatro». Ha inoltre aperto un nuovo spazio scenico, l'India, recuperando una vecchia fabbrica in disuso del lungo Tevere.

FILMOGRAFIA

Nella città barocca (1984), Morte di un matematico napoletano (1992), Rasoi (1993), Lucio Amelio/Terrae Motus (1993), Veglia (1993), Antonio Mastronunzio pittore sannita (1994), L'unico paese al mondo (regia collettiva, 1994), L'amore molesto (1995), Una storia saharawi (1996), La salita (episodio de I Vesuviani, 1997), La terra trema (doc., 1998, co-regia Jacopo Quadri), Teatro di guerra (1998), Una disperata vitalità (1998), Un posto al mondo (doc., 1999, co-regia Jacopo Quadri), Nella Napoli di Luca Giordano (2001).

Jacopo Quadri

Jacopo Quadri (Milano, 1964) si è diplomato al Centro sperimentale di cinematografia di Roma. Montatore dei film di Mario Martone, tra cui Il giovane favoloso (2014), ha collaborato con registi come Bernardo Bertolucci, Marco Bechis, Paolo Virzì, Zhang Yuan, Apichatpong Weerasethakul, Francesca Archibugi e Gianfranco Rosi. Come regista ha diretto con Antonietta De Lillo e Patrizio Esposito il documentario Voci distanti dal mare (Saharawi) e con Mario Martone La terra trema e Un posto al mondo, oltre a diversi cortometraggi. Presidente dell’associazione Ubu per Franco Quadri, nel 2013 ha fondato la Ubulibri srl, proseguimento ideale delle Edizioni Ubulibri. Nel 2014 La scuola d’estate è stato presentato al Torino Film Festival, nella sezione Festa Mobile.

FILMOGRAFIA

Statici 1 (cm, 1991), Statici 2 (cm, 1993), Statici 3 (cm, 1996), Statici 5 (cm, 1997), Statici (cm, 1997), Voci distanti dal mare (Saharawi) (coregia/codirectors Antonietta De Lillo, Patrizio Esposito, doc., 1997), La terra trema (coregia/codirector Mario Martone, 1998), Un posto al mondo (coregia/codirector Mario Martone, 2000), Marisa (cm, 2000), La scuola d’estate (doc., 2014), Il paese dove gli alberi volano (coregia/codirector Davide Barletti, mm, 2015), Lorello e Brunello (doc., 2017).

Cast

& Credits

Regia, soggetto e sceneggiatura: Jacopo Quadri, Mario Martone.
Fotografia: Roberto De Francesco, Andrea De Rosa, Jacopo Quadri.
Montaggio: Jacopo Quadri.
Produzione: Carmelo Marabello per Raitre, via Mazzini 14, 00195 Roma, Italia, tel. +39-06-36869218, fax +39-06-3721964.
Coproduzione: Lantia, Roma, Italia.
Menu