20° TORINO FILM FESTIVAL
Sopralluoghi italiani 2002

I-TIGI a Gibellina. Racconto per Ustica

I-TIGI in Gibellina: a Story for Ustica

Nazione: Italia
Anno: 2002
Durata: 150'


Marco Paolini, a due anni dalla prima rappresentazione di Bologna, recita a Gibellina il suo spettacolo Ustica, ballata in forma di teatro. Il suo volto e le sue parole inframmezzano il racconto, in questa occasione proposto in una ideale cornice, Gibellina. Proprio lí, a pochi chilometri, c'È Ustica, memoria di una delle pagine più nere della storia italiana.

«Quando Marco mi ha proposto di fare un film dal suo spettacolo su Ustica, il problema che mi sono posto è stato: come aggiungere una dimensione cinematografica mia senza tradire il rigore e la forza della sua performance? Il Cretto di Alberto Burri a Gibellina, così astratto e così terribilmente radicato nella terra stessa del terremoto, ci ha fornito una chiave irripetibile. » diventato il deuteragonista e insieme il tramite visivo che mi ha permesso di fare cinema senza perdere di vista il teatro. In più, le riprese si sono svolte per gran parte sotto un temporale che non solo ha reso il tutto più drammatico, ma ha trasformato la rappresentazione in una vera avventura, con interruzioni e riprese di fortuna, in una sorta di sfida in cui Marco e il pubblico sono stati commoventi» (Davide Ferrario).

Biografia

regista

Davide Ferrario

(1956, Casalmaggiore, Italia) è laureato in letteratura angloamericana. Nei primi anni Ottanta ha collaborato con periodici cinematografici e organizzato rassegne, eventi e festival di cinema. Autore di saggi sul cinema, di romanzi e di varie sceneggiature, ha diretto cortometraggi, documentari e lungometraggi di finzione. Fra questi ultimi vanno ricordati il suo esordio, La fine della notte (1989), Tutti giù per terra (1997), tratto dal romanzo di Giuseppe Culicchia, e Guardami, presentato alla Mostra di Venezia del 1999. Il suo romanzo Dissolvenza in nero, con protagonista Orson Welles, è stato tradotto in diverse lingue e portato sullo schermo nel 2006 da Oliver Parker (Fade to Black). Al Torino Film Festival ha presentato diversi lavori, fra cui Materiale resistente (1995), diretto con Guido Chiesa, Sexx (2016), Cento anni (2017). Dopo Nuovo cinema paralitico (2020) ha girato Just Noise, con Harvey Keitel e Malcolm McDowell.

FILMOGRAFIA

Non date da mangiare agli animali (cm, 1987), La fine della notte (1989), Lontano da Roma (doc, 1991), Anime fiammeggianti (1994), A Rimini (cm, 1995), Il figlio di Zelig (cm, 1995), Materiale resistente (co-regia Guido Chiesa, doc, 1995), Confidential Report (doc, 1996), Estate in città (cm, 1996), Partigiani (doc, 1997), Tutti giù per terra (1997), Figli di Annibale (1998), Sul quarantacinquesimo parallelo (doc, 1998), Guardami (1999), Comunisti (doc, 1999), Linea di confine (doc, 2000), La rabbia (doc, 2000), Le strade di Genova (doc, 2001), Fine amore: mai (doc, 2002), I Tigi a Gibellina (doc, 2002), Mondonuovo (doc, 2003), Dopo mezzanotte (2003), Se devo essere sincera (2004), La strada di Levi (doc, 2006), Tutta colpa di Giuda (2009), Piazza Garibaldi (doc, 2012), La luna su Torino (2014), La zuppa del demonio (doc, 2014), Accademia Carrara: il museo riscoperto (doc, 2015), Sexxx (doc., 2016), Cento anni (doc., 2017), Nuovo cinema paralitico (docufilm, 2020), Just Noise (2020).

Cast

& Credits

Regia: Davide Ferrario.
Soggetto, sceneggiatura: Daniele Del Giudice, Marco Paolini.
Fotografia: Giuseppe Baresi.
Montaggio: Ilaria Fraioli.
Interpreti: Marco Paolini.
Produzione: Jolefilm, via Medici 9, 30138 Padova, Italia, tel. +39+049-8718175, fax +39+049-8735263, e-mail info@jolefilm.it; Telepiù, Milano.
Coproduzione: Telepiù, via Piranesi 46, 20137 Milano, Italia, tel. +39-02-700271, fax +39-02-70027201.
Menu