23° TORINO FILM FESTIVAL
Focus Filippine

Hesus rebolusyonaryo

Hesus the revolutionary

Nazione: Jugoslavia
Anno: 2002
Durata: 112âââ


Nell'anno 2011, le Filippine sono ancora una volta sotto la Legge marziale. Il giovane rivoluzionario Hesus Mariano è preso in mezzo alla battaglia che vede contrapporsi il suo maestro, il capo dei ribelli Miguel Reynante, e il colonnello Simon, rappresentante della giunta militare del generale Racello, che mantiene il potere con il controllo dei media. Prendendo ispirazione dalla sua fidanzata durante l'adolescenza, Hesus decide di cambiare le regole e di assumere il controllo del gioco che i due stanno conducendo. E mentre un killer è sulle sue tracce nelle buie e desolate strade di Manila, Hesus si nasconde nell'oscurit` e attende il momento giusto per poter sferrare il suo contrattacco.

Biografia

regista

Lav Diaz

Lav Diaz (Cotabato, Filippine, 1958) ha frequentato il Mowelfund Film Institute di Quezon City e ha esordito nel 1997 con The Criminal of Barrio Concepcion, imponendosi come uno degli autori più innovativi del cinema filippino. La consacrazione è arrivata con Batang West Side (2002), premiato a Bruxelles e Singapore, e con il fluviale Evolution of a Filipino Family (2004), presentato a Rotterdam e a Torino, così come il documentario I figli dell’uragano (2014). I suoi ultimi lavori sono stati presentati ai più grandi festival internazionali, fra cui Cannes (Norte - The End of History, 2013), Locarno (From What Is Before, 2014, Pardo d’oro), Berlino (A Lullaby for the Sorrowful Mystery, 2016, Alfred Bauer Award) e Venezia (The Woman Who Left, 2016, Leone d’oro). 

FILMOGRAFIA

Serafin Geronimo, kriminal ng baryo concepcion (The Criminal of Barrio Concepcion, 1998), Burger Boys (1999), Batang West Side (2002), Hesus rebolusyonaryo (Hesus the Revolutionary, 2002), Ebolusyon ng isang pamilayang Pilipino (Evolution of a Filipino Family, 2004), Heremias: Unang aklat - Ang alamat ng prinsesang bayawak (2005), Melancholia (2008), Florentina Hubaldo, CTE (2012), Norte, hangganan ng kasaysayan (Norte - The End of History, 2013), Mula sa kung ano ang noon (From What Is Before, 2014), Ang babayeng humayo (The Woman Who Left, 2016).

Cast

& Credits

regia, soggetto, sceneggiatura/director, story, screenplay
Lav Diaz
fotografia/director of photography
Romulo Araojo
scenografia/set design
Yeye Calderon
montaggio/film editor
Ron Dale
musica/music
The Jerks
suono/sound
Arnel Francia
interpreti e personaggi/cast and characters
Mark Anthony Fernandez (Hesus Mariano), Donita Rose (Hilda), Joel Lamangan (col. Simon), Pinky Amador (Lucia Sarmiento), Diding Andres (donna al Checkpoint/Woman at Checkpoint), Ricardo Cepeda (Delfin Cordero), Forsythe Cordero (contatto ribelle/rebel contact), Dido De La Paz (uomo al checkpoint/Man at Checkpoint), Marianne de la Riva (Aling Sima), Bart Guingona (Eddie Teves), Arvin Jimenez (Tasyo), Ronnie Lazaro (Miguel Reynante), Orestes Ojeda (col. Castor), Richard Joson
produttore/producer
Lily Monteverde
Menu
X
X