23° TORINO FILM FESTIVAL
Claude Chabrol

Les fantômes du chapelier

The Hatter's Ghost
di Claude Chabrol
Nazione: Francia
Anno: 1982
Durata: 120'


Il cappellaio Labbé ha ucciso la moglie e ha posto un manichino davanti alla finestra per farla credere ancora in vita. Per coprire tale delitto, deve uccidere anche altre donne e alla fine viene sorpreso dalla polizia.
«Gli intrecci non mi interessano molto, o piuttosto mi interessano come sono in Simenon, nel momento in cui i personaggi si incontrano; i loro rapporti costruiscono un intreccio che prima non c'è. […] Amo prendere determinati personaggi e vedere che cosa può capitare loro». (C. Chabrol)
«Il caso di Labbé, in I fantasmi del cappellaio, è diverso. Prima di tutto non si tratta di un personaggio reale. È uno dei fiori all'occhiello di una societ` da cui non ha la minima intenzione di uscire. Non deve assolutamente trapelare che è stato messo in disparte. Come qualcuno che ha un cancro. Tutto si svolge in una logica assolutamente normale. Logica che è una delle basi della societ`, e che spinge a compiere crimini totalmente inutili, perché non apportano alcun cambiamento. La situazione rimane invariata». (C. Chabrol)

Biografia

regista

Claude Chabrol

Claude Chabrol (Parigi, Francia, 1930) trascorre l’infanzia a Sardent nella Creuse e fin da giovanissimo mostra interessi per la letteratura poliziesca e per il cinema, fondando a 13 anni il primo cineclub del paese. Dopo la guerra si trasferisce a Parigi, dove si iscrive alla Facoltà di Lettere e dove ha modo di coltivare più a fondo la passione per il cinema. Entrato in contatto con i coetanei Truffaut, Godard, Rohmer e Rivette, inizia a lavorare come critico cinematografico per la rivista «Revue du Cinéma» e per i «Cahiers du Cinéma». In veste di critico, Chabrol ha modo di costruirsi una precisa posizione estetica, già con l’idea di diventare egli stesso un regista; fondamentale, a proposito, l’interesse per il cinema di Alfred Hitchcock, al quale dedica, insieme a Rohmer, una celebre monografia nel 1957. Al contrario dei suoi colleghi critici, tutti futuri autori della nouvelle vague, prima di diventare regista Chabrol non lavora come aiuto regista e non realizza cortometraggi, ma esordisce direttamente nel lungometraggio con Le Beau Serge (1959), realizzato grazie a un’inaspettata eredità della moglie. Nell’estate dell’anno successivo gira quindi I cugini, secondo titolo di una ricchissima filmografia che, sviluppandosi al ritmo di quasi un film all’anno, percorrerà 4 decenni e arriverà a comprendere oltre 50 titoli (l’ultimo è La commedia del potere, 2006).

FILMOGRAFIA

Le Beau Serge (id., 1958), Les Cousins (I cugini, 1959), À double tour (A doppia mandata, 1959), Les Bonnes femmes (Le donne facili, 1960), Les Godelureaux (I bellimbusti, 1961), Les Sept péchés capitaux (ep. L’Avarice, I sette peccati capitali, ep. L’avarizia, 1962), L’OEil du malin (1962), Ophélia (id., 1963), Landru (id., 1963), Les Plus belles escroqueries du monde (ep. L’homme qui vendit la Tour Eiffel; Le più belle truffe del mondo, ep. L’uomo che vendette la Torre Eiffel, 1964), Le Tigre aime la chair fraiche (La Tigre ama la carne fresca, 1964), Paris vu par (ep. La Muette, 1965), Marie-Chantal contre docteur Kha (Marie Chantal contro il dr. Kha, 1965), Le Tigre se parfume à la dynamite (La Tigre profumata alla dinamite, 1965), La Ligne de démarcation (1966), Le Scandale (Scandale - Delitti e champagne, 1967), La Route de Corinthe (Criminal Story, 1967), Les Biches (Les Biches - Le cerbiatte, 1968), La Femme infidèle (Stéphane, una moglie infedele, 1969), Que la bête meure (Ucciderò un uomo - Hallucination, 1969), Le Boucher (Il tagliagole, 1969), La Rupture (All’ombra del delitto, 1970), Juste avant la nuit (1971), La Décade prodigieuse (Dieci incredibili giorni, 1971), Docteur Popaul (Trappola per un lupo, 1972), Les Noces rouges (L’amico di famiglia, 1973), Nada (Sterminate «Gruppo Zero», 1974), Nouvelles de Henry James (ep. De Grey; Le Banc de la désolation, TV, 1976), Histoires insolites (ep. Monsieur Bébé; Nul n’est parfait; Une invitation à la chasse; Les Gens de l’été, TV, 1974), Une partie de plaisir (Una gita di piacere, 1975), Les Innocents aux mains sales (Gli innocenti dalle mani sporche, 1975), Les Magiciens (Profezia di un delitto, 1976), Folies bourgeoises (Pazzi borghesi, 1976), Madame le juge (ep. 2+2=4, TV, 1977), Alice ou la dernière fugue (1977), Les Liens du sang (Rosso nel buio, 1978), Violette Nozière (id., 1978), Il était un musicien (ep. Monsieur Liszt; Monsieur Prokofiev; Monsieur Saint- Saëns, TV, 1978), Histoires insolites (La Boucle d’oreille, TV, 1979), Fantômas (ep. L’Echafaud magique; Le Tramway fantôme, TV, 1980), Le Cheval d’orgueil (1980), Le Système du docteur Goudron et du professeur Plume (TV, 1981), Les Affinités électives (TV, 1981), M. le maudit (TV, 1982), La Danse de mort (TV. 1982), Les Fantômes du chapelier (I fantasmi del cappellaio, 1982), Le Sang des autres (Il sangue degli altri, 1984), Poulet au vinaigre (1985), Inspecteur Lavardin (Ispettore Lavardin, 1986), Masques (Volto segreto - Masques, 1986), Le Cri du hibou (Il grido del gufo, 1987), Une affaire de femmes (Un affare di donne, 1988), Les Dossiers secrets de l’inspecteur Lavardin (ep. L’Escargot noir; Maux croisés TV, 1988), Jours tranquilles à Clichy (Giorni felici a Clichy, 1990), Dr. M (Doctor M, 1990), Madame Bovary (id., 1991), Betty (id., 1992), L’OEil de Vichy (1993), L’Enfer (L’inferno, 1994), La Cérémonie (Il buio nella mente, 1995), Cyprien Katsaris (TV, 1996), Rien ne va plus (id., 1997), Au coeur du mensonge (Il colore della menzogna, 1999), Merci pour le chocolat (Grazie per la cioccolata, 2000), Les Redoutables (ep. Coup de vice, TV, 2001), La Fleur du mal (Il fiore del male, 2003), La Demoiselle d’honneur (2004), L’Ivresse du pouvoir (2006). 

Cast

& Credits

regia, sceneggiatura/director, screenplay Claude Chabrol
soggetto/story da un romanzo di/from a novel by Georges Simenon
fotografia/director of photography Jean Rabier
scenografia/set design Jean-Louis Poveda
costumi/costume design Magali Fustier Dray
montaggio/film editor Monique Fardoulis
musica/music Matthieu Chabrol
suono/sound René Levert
interpreti e personaggi/cast and characters Michel Serrault (Léon Labbé), Charles Aznavour (Kachoudas), Monique Chaumette (Mme Labbé), Aurore Clément (Berthe), Isabelle Sadoyan (Mme Kachoudas), Christine Paolini (Louise), Fabrice Ploquin (Valentin), Mario David (Pigeac), Jean Champion (Laude), François Cluzet (Jeantet), Nathalie Hayat (Esther), Marcel Guy (Gabril), Victor Garrivier (Dr. Chaudreau), Jean Leumais (Lambert), Robert Party (Caille), Bernard Dumaine (Arnoult), Jean-Claude Bouilaud (il padre di Louise/Louise's Father)
produttore/producer Pierre Gauchet
produzione/production Horizon productions, SFPC, Films Antenne 2
Menu
X
X