25° TORINO FILM FESTIVAL
WIM WENDERS

Lisbon Story

Lisbon Story
di Wim Wenders
Nazione: Germania
Anno: 1994
Durata: 105'


Chiamato a Lisbona dal regista Friedrich Monroe per lavorare a un nuovo film, il fonico Philip Winter giunge nella capitale portoghese e qui scopre che l’amico è scomparso da giorni. Messosi alla sua ricerca, vaga per la città registrando suoni e rumori e fraternizza con un gruppo di ragazzini. Seguendo uno di loro, riesce a scovare Friedrich che vive in un’auto abbandonata e accumula ore di riprese video nella speranza di regalare ai posteri immagini pure, libere, mai viste da alcun occhio e perciò prive di qualsiasi forma di intervento culturale. Grazie al suo pragmatismo, Winter saprà distogliere l’amico dalle sue ossessioni facendogli riscoprire un diverso approccio al reale, nonché il piacere del cinema delle origini.

«Nell’inflazione di immagini elettroniche che la nostra società ci offre, sembrano esserci così poche cose degne di nota, che viene da chiedersi se non sarebbe meglio tornare all’antica tradizione della poesia e della pittura. Ha più valore vedere poche immagini ma piene di vita, che averne davanti una grande quantità senza senso».

Biografia

regista

Wim Wenders

Dopo il diploma si iscrive alla facoltà di medicina e poi a quella di filosofia, abbandonando però gli studi per trasferirsi a Parigi e dedicarsi alla pittura. Qui tenta senza fortuna di iscriversi all’Idhec e nel 1967 torna in Germania per frequentare i corsi della nuova Hochschule für Fernsehen und Film di Monaco, collaborando nel frattempo con diverse riviste di critica cinematografica. Tra il 1967 e il 1969 realizza i suoi primi cortometraggi, in cui già sono presenti temi e forme della sua futura filmografia, come l’attenzione all’immagine, l’amore per il rock e il motivo del viaggio. Nel 1969 gira il film di diploma, Summer in the City, che gli consente di precisare, articolandoli, i temi della propria poetica. Con il primo lungometraggio, Prima del calcio di rigore (1971), comincia a farsi notare nel panorama internazionale e nel 1974 dà il via alla sua celebre «trilogia della strada», in cui, attraverso i film Alice nelle città (1974), Falso movimento (1975) e Nel corso del tempo (1976), sviluppa ulteriormente il motivo del viaggio. Ormai regista affermato, realizza L’amico americano (1977), prima di trasferirsi negli Stati Uniti per riprendere gli ultimi giorni di Nicholas Ray in Nick’s Movie - Lampi sull’acqua (1980). Nel 1982 vince il Leone d’oro a Venezia con Lo stato delle cose, girato in una pausa lavorativa durante la travagliata lavorazione dell’hollywoodiano Hammett - Indagine a Chinatown (1982), prodotto da Francis Ford Coppola. Nel 1984, con Paris, Texas realizza una nuova riflessione sul viaggio e l’America che gli vale la Palma d’oro a Cannes e nel 1987, dopo l’escursione giapponese di Tokyo-Ga (1985), documentario su Tokyo e Ozu, torna in Europa per Il cielo sopra Berlino (1987). Nel 1991 realizza Fino alla fine del mondo, fluviale road movie stravolto dalle esigenze distributive (ma nel 2004 Wenders ne riedita il director’s cut) e nel 1993 Così lontano così vicino, seguito del Cielo sopra Berlino che conquista il Gran premio della giuria a Cannes. Nel 1995, dirige con l’amico e maestro Michelangelo Antonioni Al di là delle nuvole e di seguito Lisbon Story. Dopo Crimini invisibili (1997), nel 1998 filma il suo incontro con Ry Cooder e la musica cubana e dà vita al documentario di straordinario successo Buena Vista Social Club. Torna infine nell’amata America per i suoi lavori successivi: The Million Dollar Hotel (2001), su soggetto di Bono, L’anima di un uomo (2002), episodio del progetto The Blues di Martin Scorsese, La terra dell’abbondanza (2004), riflessione sul dopo-11 settembre, e Non bussare alla mia porta (2005), nuova collaborazione con Sam Shepard dopo Paris, Texas.

FILMOGRAFIA

Schauplätze (cm, 1967), Klappenfilm (cm, 1967), Victor I (cm, 1968), Same Player Shoots Again (1968), Silver City (cm, 1968), Polizeifilm (cm, 1968), Alabama (2000 Light Years) (cm, 1968), 3 Amerikanische LP’s (cm, 1969), Summer in the City (1970), Die Angst des Tormanns beim Elfmeter (Prima del calcio di rigore, 1971), Der Scharlachrote Buchstabe (La lettera scarlatta, 1972), Alice in den Städten (Alice nelle città, 1974), «Ein Haus für uns» (ep. Aus der Familie der Panzerechsen; ep. Die Insel, cm, TV, 1974), Falsche Bewegung (Falso movimento, 1975), Im Lauf der Zeit (Nel corso del tempo, 1976), Der Amerikanische Freund (L’amico americano, 1977), Nick’s Film - Lightning Over Water (Nick’s Movie - Lampi sull’acqua, doc., 1980), Hammett (Hammett - Indagine a Chinatown, 1981), Der Stand der Dinge (Lo stato delle cose, 1982), Reverse Angle: NYC March ’82 (cm, doc., 1982), Chambre 666 - Cannes May ’82 (mm, doc., 1982), Paris, Texas (id., 1984), Tokyo-Ga (id., doc., 1985), Der Himmel über Berlin (Il cielo sopra Berlino, 1987), Aufzeichnungen zu Kleidern und Städten (Appunti di viaggio su moda e città, doc., 1989), Bis ans Ende der Welt (Fino alla fine del mondo, 1991), Arisha, der Bär und der steinerne Ring (Arisha, l’orso e l’anello di pietra, mm, 1992), In weiter Ferne, so nah! (Così lontano così vicino!, 1993), Lisbon Story (id., 1994), Al di là delle nuvole (1995), Lumière et compagnie (ep. Berlin, cm, 1995), Die Gebrüder Skladanowsky (I fratelli Skladanowsky, 1996), The End of Violence (Crimini invisibili, 1997), Willie Nelson at the Teatro (mm, doc., 1998), Buena Vista Social Club (id., 1999), The Million Dollar Hotel (id., 1999), Viel passiert. Der BAP Film (doc., 2002), Ten Minutes Older: The Trumpet (ep. Twelve Miles to Trona, cm, 2002), The Soul of a Man (L’anima di un
uomo
, doc., 2003), Land of Plenty (La terra dell’abbondanza, 2004), Don’t Come Knocking (Non bussare alla mia porta, 2005), Invisibles (ep. Invisible Crimes, cm, 2006).

Videoclip

U2, Night and Day (1990), Talking Heads, Sax and Violins (1991), U2, Stay (Faraway, So Close!) (1993), Madredeus, Céu da Mouraria (1995), Madredeus, Alfama (1995), Willie Nelson, I Never Cared for You (1998), U2, The Ground Beneath Her Feet (2000), Die Toten Hosen, Warum werde ich nicht satt? (2000), Eels, Souljacker part I (2002), BAP, Schluss, Aus, Okay (2002), Idlewild, Live in a Hiding Place (2002).

Cast

& Credits

regia, soggetto, sceneggiatura/director, story, screenplay Wim Wenders
fotografia/director of photography Lisa Rinzler
scenografia/set design Zé Branco
montaggio/film editor Peter Przygodda, Anne Schnee
musica/music Jürgen Knieper, Madredeus
suono/sound Vasco Pimentel
interpreti e personaggi/cast and characters Rüdiger Vogler (Phillip Winter), Patrick Bauchau (Friedrich Monroe), Madredeus (Teresa Salgueiro, Pedro Ayres Magalhães, Rodrigo Leão, Gabriel Gomes, José Peixoto, Francisco Ribeiro), Manoel de Oliveira (se stesso/himself), Ricardo Colares (Ricardo), Joel Cunha Ferreira (Zé), Sofia Bénard da Costa (Sofia), Vera Cunha Rocha (Vera), Elisabete Cunha Rocha (Beta), Vasco Sequeira (il camionista/truck driver), Canto e Castro (il barbiere/ barber), Viriato Jose da Silva (il lustrascarpe/shoeshine), João Canijo (l’imbroglione/ cheat)
produttore/producer João Canino
produzione/production Road Movies Filmproduktion, Madragoa Filmes, Lisboa 94, Westdeutscher Rundfunk
Menu
X
X