25° TORINO FILM FESTIVAL
EVENTI SPECIALI

Maciste nella gabbia dei leoni

The Hero of The Circus

Nazione: Italia
Anno: 1926
Durata: 90' muto


Maciste, eroe di una tra le serie più famose del cinema muto italiano, questa volta affronta oltre ai cattivi di turno anche i leoni del circo. La cavallerizza Sarah e il perfido Strasser tentano di impossessarsi del Circo Pommer irretendo Giorgio, figlio del proprietario, ma Maciste veglia sulla moralità e sullo status quo: in un crescendo di avventure esotiche, tensione erotica e numeri spettacolari, i cattivi verranno sconfitti e Giorgio troverà il vero amore nella creola Seida. Guido Brignone, autore prolifico di chiara vocazione popolare che ben si adattò all’avvento del sonoro, profonde nelle imprese di Maciste la sua abilità come regista di film d’avventura.

Il restauro è stato realizzato a partire da due copie nitrato positive colorate ritrovate presso la Fundação Cinemateca Brasileira di San Paolo e ora conservate a Bologna. Le didascalie italiane sono state ricostruite grazie ai documenti di produzione conservati a Torino. Copia restaurata dal Museo Nazionale del Cinema e dalla Cineteca del Comune di Bologna presso il Laboratorio L’immagine Ritrovata di Bologna.

Biografia

regista

Guido Brignone

(Milano, 1886 - Roma, 1959) nel 1914 si trasferisce a Roma dove comincia a lavorare come attore e nel 1916 esordisce nella regia con Odette. Negli anni ’20 dirige alcune pellicole con Bartolomeo Pagano, il gigante buono Maciste. Nel 1927 emigra prima in Francia e poi in Germania. Rientrato in Italia, nel 1934 è il primo regista italiano a vincere la Mostra di Venezia nella categoria Miglior film italiano con Teresa Confalonieri. Muore lo stesso giorno d’uscita del suo ultimo film, Nel segno di Roma.

FILMOGRAFIA

filmografia essenziale/
essential filmography

Odette (1916), Il cuore dell’altra (1917), La contessa miseria (1918), La vendetta del sole (1919), Il ventriloquo (1920), Fiamma nera (1921), I due sergenti  (1922), Maciste e il nipote d’America (1923), Maciste imperatore (1924), Maciste all’inferno (1925), Maciste nella gabbia dei leoni (1926), Il gigante delle Dolomiti  (1927), Hingabe (1929), Rubacuori (1931), Pergolesi (1932), Teresa Confalonieri (1934), L’antenato (1936), Vivere (1937), Torna, caro ideal! (1939), Kean (1940), Mamma (1941),
Vertigine (1942), Maria Malibran (1943), Lacrime di sangue (1944), Monaca santa (1945), Il barone Carlo Mazza (1948), La sepolta viva (1949), Core ‘ngrato  (1951), Inganno (1952), Bufere (1953), Papà pacifico (1954), Quando tramonta il sole (1955), Le schiave di Cartagine (1956), Nel segno di Roma (1959).

Cast

& Credits

regia, soggetto, sceneggiatura/director, story, screenplay Guido Brignone
fotografia/director of photography Massimo Terzano, Anchise Brizzi
scenografia/set design Giulio Lombardozzi
interpreti e personaggi/cast and characters Bartolomeo Pagano (Maciste), Elena Sangro (Sarah, la cavallerizza/horse rider), Franz Sala (Strasser), Mimy Dovia (Seida), Umberto Guerracino (Sullivan), Vittorio Bianchi (Karl Pommer), Alberto Collo (Giorgio Pommer), Giuseppe Brignone (il vecchio clown/old clown), la troupe del circo Pommer/troupe of Pommer Circus
produttore/producer Stefano Pittaluga
produzione/production Fert-Pittaluga

Sonorizzazione dal vivo dei Marlene Kunz e di Gianni Maroccolo, con la partecipazione di Ivana Gatti

Music accompaniment by Marlene Kunz and Gianni Maroccolo,with the partecipation of Ivana Gatti
Menu
X
X