Nazione:
Anno: 2005
Durata: 108'


La conduttrice di uno “strano circo”, una matronale drag queen, invita una persona del pubblico a salire sul palcoscenico per provare una ghigliottina. Si fa avanti Mitsuko, una bambina di dodici anni, che dice di aver sempre saputo di dover morire. La ragazzina si sveglia e si accorge che si tratta solo di un sogno. Ma sarà solo l’inizio di un incubo reale e ben peggiore che coinvolge tutta la sua famiglia, oltre a Taeko, una scrittrice paraplegica specializzata in romanzi erotici e grotteschi.

 

«Mi hanno spesso paragonato a Takashi Miike al punto che mi sono deciso a guardare i suoi film, che non conoscevo; trovo però che non abbiamo molto in comune. Piuttosto è stato Cronenberg, per esempio, ad avere un’influenza sul mio lavoro, così come David Lynch, del quale mi ha molto impressionato l’uso del suono in Eraserhead. Strange Circus è una specie di catalogo di tutte le mie passioni, una sorta di scrigno del tesoro dove ho potuto mettere tutto il mio amore per il cattivo gusto, le scenografie e i personaggi un po’ grotteschi... è un po’ il mio film à la Edogawa Ranpo».

Biografia

regista

Sion Sono

Sion Sono (Toyokawa, Giappone, 1961) è uno dei registi giapponesi più conosciuti e apprezzati all’estero. Nei suoi film descrive la società nipponica in modo provocatorio e violento, con numerosi riferimenti alla cultura pop. Tra le sue opere, Suicide Club (2002), che con Noriko’s Dinner Table (2005) fa parte di una trilogia sull’alienazione, Strange Circus (2005), con cui ha vinto il premio della giuria del Berliner Zeitung, e Love Exposure (2008), vincitore del premio Fipresci e del Caligari Film Award alla Berlinale, nonché primo tassello della «trilogia dell’odio», di cui faranno parte Cold Fish (2010) e Guilty of Romance (2011). Con Himizu (2011) ha partecipato in concorso a Venezia, dove nel 2013 ha presentato Why Don’t You Play in Hell. Nel 2011 il Torino Film Festival gli ha dedicato una retrospettiva. Vi ha fatto ritorno nelle edizioni successive con Tokyo Tribe (2014), Love & Peace (2015), Riaru onigokko (2015) e Shinjuku suwan (2015).

FILMOGRAFIA

The Room (1992), Suicide Club (2002), Noriko’s Dinner Table (2005), Strange Circus (2005), Hazard (2006), Exte: Hair Extensions (2007), Love Exposure (2008), Cold Fish (2010), Guilty of Romance (2011), Himizu (2011), Why Don’t You Play in Hell (2013), Tokyo Tribe (2014), Love & Peace (2015), Riaru onigokko (TAG, 2015), Shinjuku suwan (Shinjuku Swan, 2015), Antiporno (2016), Tokyo Vampire Hotel (serie tv/tv series, 2017).

Cast

& Credits

regia, soggetto, sceneggiatura, musica/director, story, screenplay, music

Sion Sono 

fotografia/cinematography

Otsuka Yuichir?

montaggio/film editing

Ito Jun’ichi

costumi/costume design

Matsumoto Keiko

interpreti e personaggi/cast and characters

Miyazaki Masumi (Mitsuko/Sayuri/Taeko), Ishida Issei (Y?ji), Ooguchi Hiroshi (Gozo), Kuwana Rie (Mitsuko bambina/as a Child), Takahashi Mai (Mitsuko ragazza/as a Girl), Taguchi Tomorowo (l’editore di Taeko/Taeko’s Publisher), Madame Rejine

produttori/producers

Hoshino K?ji, Nakazawa Toshiaki, Sat? Toshihiro, Tomida Toshie

produzione, vendita all’estero /production, world sales

Sedic International


Menu