30° TORINO FILM FESTIVAL
TORINO 30

THE LIABILITY

THE LIABILITY
di Craig Viveiros
Nazione: UK
Anno: 2012
Durata: 92'


Suggestionato dal videogioco Grand Theft Auto, il ventenne Adam sogna di diventare un killer. L’occasione gli si presenta quando il compagno della madre, Pete, gli trova lavoro come autista di Roy, un sicario professionista in procinto di compiere il suo ultimo omicidio utilizzando la tecnica di un noto serial killer per depistare le indagini. Tutto procede come stabilito, salvo l’inattesa presenza di un testimone, la giovane e bella Carly, che il killer e il suo discepolo saranno costretti a eliminare. La caccia alla donna si rivela più difficile del previsto e soprattutto conferma come nel crimine spesso la gerarchia dei ruoli sia destinata a essere ribaltata.

Biografia

regista

Craig Viveiros

Craig Viveiros (Regno Unito), dopo aver lavorato nell’industria cinematografica come operatore e tecnico luci, è stato chiamato nel 2006 a dirigere un cortometraggio prodotto da Channel 4, StereoStep. Iniziata l’attività di regista di cortometraggi e spot pubblicitari, nel 2007 ha diretto il corto Back to Back, selezionato dal Barbican Centre di Londra. Con Ghosted, suo esordio nel lungometraggio, ha partecipato alla scorsa edizione del Torino Film Festival, dove il protagonista Martin Compston è stato premiato come miglior attore. In seguito Viveiros si è trasferito a Haiti per lavorare come volontario all’istituto cinematografico del Paese ed è poi tornato in patria per realizzare The Liability, suo terzo lungometraggio. Nel 2010 ha inoltre fondato con il collega James Friend la casa di produzione London Film and Media, che attualmente li vede impegnati nella lavorazione di un nuovo progetto, PickPocket.

FILMOGRAFIA

StereoStep (cm, tv, 2006), Back to Back (cm, 2007), The Road to Vengeance (cm, 2009), Ghosted (2011), Lost in Italy (2011), The Liability (2012). 

Dichiarazione

regista

«Per il film ho cercato un look da pop art americana. Mi sono ispirato parecchio ad alcuni iperrealisti contemporanei, come Richard Estes e John Bader, e a un classico della modernità americana come Hopper, soprattutto per il dipinto Nighthawks. Sembra quasi arte grafica. Non è il classico film sul Nord depresso dell’Inghilterra. È un po’ più sgargiante, ma lo humour e l’atmosfera sono molto inglesi, per quanto stilizzati».

Cast

& Credits

regia/director Craig Viveiros
sceneggiatura/screenplay John Wrathall
fotografia/cinematography James Friend
montaggio/film editing Pia Di Ciaula
scenografia/ production design Matthew Gant
costumi/costume design Alison McLaughlin
musica/music Vicky Wijeratne
suono/sound Stuart Wright
interpreti e personaggi/ cast and characters Tim Roth (Roy), Jack O’Connell (Adam), Talulah Riley (Carly), Kierston Wareing (Nicky), Peter Mullan (Peter), Christopher Hatherall (Ivan), Jack McBride (il marito hippy/ hippy husband), John Raine (Sniper), Steven Stobbs (il commesso della stazione di servizio/garage shop man), Jenny Pike (la moglie hippy/hippy wife), Alexander Lomas (l’uomo della bella famiglia/ nice family man), Tomi May (Danil)
produttori/producers Richard Johns, Rupert Jermyn
produzione/production Corona Pictures
vendita all’estero/ world sales AV Pictures
Menu
X
X