Nazione: Algeria
Anno: 2019
Durata: 135'


Algeria, 1994. Gli agenti di polizia S. e Lofti, amici d’infanzia, attraversano il deserto alla ricerca di Abou Leila, un pericoloso terrorista. Nella vastità del Sahara, l’impresa appare alquanto assurda ma la priorità di Lofti è una sola: condurre S. lontano dalla capitale, perché conscio della fragilità dell’amico di fronte alla violenza. Nel progressivo addentrarsi nel deserto, saranno costretti sempre più a confrontarsi con i loro traumi.

Programmazione

festival

23
NOV
09:00
Acquista
Cinema Reposi - Sala 2
Sottotitoli: sott. it./Eng. sub.
24
NOV
17:15
Acquista
Cinema Reposi - Sala 2
Sottotitoli: sott. it./Eng. sub.
27
NOV
11:45
Acquista
Cinema Reposi - Sala 2
Sottotitoli: sott. it./Eng. sub.

Biografia

regista

amin sidi-boumédiène

Amin Sidi-Boumédiène (Parigi, Francia, 1982) ha cominciato a studiare cinema dopo gli studi di chimica. Nel 2005 ha conseguito il diploma in regia cinematografica presso il Conservatoire libre du cinéma français di Parigi. Dal 2008, ritornato in Algeria, ha lavorato come assistente alla regia per poi realizzare, alla fine del 2010, Ghadane, Al Djazair?, il suo primo cortometraggio, presentato in numerosi festival di tutto il mondo. Il suo secondo cortometraggio, L’Île - Al Djazira, è stato girato ad Algeri nel 2012 e premiato al Festival internazionale del cinema di Abu Dhabi. Nel 2014 ha diretto il suo terzo cortometraggio, Serial K., presentato in occasione dei Béjaia Cinematographic Days. Il suo primo lungometraggio, Abou Leila (2019), girato in Algeria, è stato presentato nel corso della Settimana internazionale della critica di Cannes.

FILMOGRAFIA

filmografia/filmographyGhadane, Al Djazair? (Tomorrow, Algiers?, cm, 2011), L’Île - Al Djazira (The Island, cm, 2012), Serial K. (cm, 2014), Abou Leila (2019).

Dichiarazione

regista

«Il trauma è lì, diffuso e a tratti inconscio, e argomenti quali la fragilità dell’esistenza e la trappola in cui la violenza rinchiude un Paese e il suo popolo, costituiscono la tela ideale per riuscire a parlare apertamente e nel modo migliore del terrorismo senza nominarlo direttamente. Rievocare questo periodo per me è quindi un modo per analizzare esclusivamente i sentimenti umani in relazione a quel che abbiamo vissuto, e per provare a ricreare un microcosmo, attraverso la metafora e l’arte, che seppur surrealista, sia in grado di cogliere la profondità delle cose, senza l’obbligo di essere imparziale o esaustivo».

Cast

& Credits

amin sidi-boumédiène
ABOU LEILA
Algeria-Francia-Qatar/Algeria-France-Qatar, 2019, 140’, col.

abou leila

regia, soggetto, sceneggiatura, montaggio/director, story, screenplay, film editing
Amin Sidi-Boumédiène
fotografia/cinematography
Kanamé Onoyama
scenografia/production design
Hamid Boughrara Laurent Le Corre
suono/sound
Mohamed Amine Teggar, Nassim El Mounabbih, Benjamin Lec
interpreti/cast
Slimane Benouari, Lyes Salem, Azouz Abdelkader, Fouad Megiraga, Meryem Medjkane, Hocine Mokhtar, Samir El Hakim
produttori/producers
Fayçal Hammoum, Yacine Bouaziz, Louise Bellicaud, Claire Charles-Gervais
produzione/production
Thala Films

**
contatti/contacts
Films Boutique
[email protected]
www.filmsboutique.com
Menu
X
X