Nazione: Italia
Anno: 1953
Durata: 97'


La popolana Gemma è innamorata di un ricco giovane, Paolo Sartori. Non può tuttavia sposarlo in quanto è il suo fratellastro illegittimo. Superata la delusione, si rassegna a sposare il professor Franco Vagnuzzi, per il quale non prova un vero affetto. Ricattata dalla contessa Elvira, Gemma diviene l’amante di un certo Vittoni. Franco non sospetta di nulla. Quando Elvira minaccia di seguire i due sposi a Roma, dove Franco sta per essere trasferito, Gemma, esasperata, si scaglia contro la donna e la ferisce. Riesce così ad allontanarla e a riconciliarsi con Franco.

Programmazione

festival

25
NOV
13:00
Cinema Massimo - Sala 3
Ingresso gratuito
Sottotitoli:

Biografia

regista

Mario Soldati

Mario Soldati (Torino, 1906 - Tellaro, La Spezia, 1999) esordisce come narratore nel 1929 con la raccolta di racconti Salmace. Dopo un periodo trascorso negli Stati Uniti, nel 1931 ritorna in Italia, dove inizia a lavorare presso la Cines-Pittaluga. Inizia la carriera di regista nel 1939 con Dora Nelson, inaugurando un stile di elegantissima fattura formale, influenzato da ascendenze letterarie, come testimoniano Piccolo mondo antico (1941) e Malombra (1942). Curioso e attento ai nuovi linguaggi, oltre a narratore e cineasta, sarà anche pionieristico autore televisivo, realizzando, con Alla ricerca dei cibi genuini - Viaggio nella valle del Po (1957), uno dei momenti fondamentali della televisione del nostro Paese.

FILMOGRAFIA

filmografia essenziale/essential filmographyDora Nelson (1939), Piccolo mondo antico (1941), Tragica notte (1942), Malombra (1942), Quartieri alti (1945), Le miserie del signor Travet (1946), Eugenia Grandet (1946), Daniele Cortis (1947), Fuga in Francia (1948), Quel bandito sono io (1950), Il sogno di Zorro (1952), Jolanda, la figlia del Corsaro Nero (1952), La provinciale (1953), La mano dello straniero (1954), La donna del fiume (1955), Policarpo, ufficiale di scrittura (1959).

Dichiarazione

regista

«Questo è il primo film tratto da un’opera di Moravia, ed è il primo film serio che realizzo dal 1946 a oggi. Ho scritto tutta la sceneggiatura di mio pugno, con la collaborazione di Giorgio Bassani, e posso dire di essermi impegnato a fondo. Mi è stato spesso rimproverato di fare cose non serie, cose non vere, nelle quali non credo. Ora mi si è presentata una buona occasione, ho voluto realizzare questo film senza concessioni e senza compromessi, e ciò ha significato molte discussioni soprattutto con i produttori».

Cast

& Credits

mario soldati
LA PROVINCIALE
Italia/Italy, 1952, 35mm, 97’, bn/bw

the wayward wife
la provinciale

regia/director
Mario Soldati
soggetto/story
dall’omonimo romanzo breve di/from the short novel of the same title by Alberto Moravia
sceneggiatura/screenplay
Giorgio Bassani, Sandro De Feo, Jean Ferry, Mario Soldati, Jacques Remy (non accr./uncr.)
fotografia/cinematography
G.R. Aldo [Aldo Graziati]
montaggio/film editing
Leo Catozzo
scenografia/production design
Flavio Mogherini
costumi/costume design
Valerio Colasanti
musica/music
Franco Mannino
suono/sound
Eraldo Giordani
interpreti e personaggi/cast and characters
Gina Lollobrigida (Gemma Foresi), Gabriele Ferzetti (prof. Franco Vagnuzzi), Franco Interlenghi (Paolo Sartori), Nanda Primavera (la madre di/mother of Gemma), Alda Mangini (la contessa/Countess Elvira Coceanu), Marilyn Buferd (Anna Letizia Sartori), Barbara berg (Vannina), Renato Baldini (Luciano Vittoni), Alfredo Carpegna (il conte/Count Sartori)
produttore/producer
Attilio Riccio
produzione/production
Electra Compagnia Cinematografica
Menu
X
X