Nazione: Italia
Anno: 1942
Durata: 135'


La giovane nobildonna Marina di Malombra è segregata in una villa sul lago di Como dal severo zio, il conte Cesare di Ormengo, che la libererà solamente il giorno delle nozze. Suggestionata dalla solitudine, Marina si identifica poco a poco con una zia suicida della quale ha trovato una lettera segreta e della quale crede di essere la reincarnazione. Nella sua allucinazione, incapace di distinguere la realtà dalla propria ossessione, irretisce il giovane scrittore Corrado e si spingerà fin sull’orlo della follia e dell’omicidio.

Programmazione

festival

25
NOV
22:15
Acquista
Cinema Massimo - Sala 3
Sottotitoli:

Biografia

regista

Mario Soldati

Mario Soldati (Torino, 1906 - Tellaro, La Spezia, 1999) esordisce come narratore nel 1929 con la raccolta di racconti Salmace. Dopo un periodo trascorso negli Stati Uniti, nel 1931 ritorna in Italia, dove inizia a lavorare presso la Cines-Pittaluga. Inizia la carriera di regista nel 1939 con Dora Nelson, inaugurando un stile di elegantissima fattura formale, influenzato da ascendenze letterarie, come testimoniano Piccolo mondo antico (1941) e Malombra (1942). Curioso e attento ai nuovi linguaggi, oltre a narratore e cineasta, sarà anche pionieristico autore televisivo, realizzando, con Alla ricerca dei cibi genuini - Viaggio nella valle del Po (1957), uno dei momenti fondamentali della televisione del nostro Paese.

FILMOGRAFIA

filmografia essenziale/essential filmographyDora Nelson (1939), Piccolo mondo antico (1941), Tragica notte (1942), Malombra (1942), Quartieri alti (1945), Le miserie del signor Travet (1946), Eugenia Grandet (1946), Daniele Cortis (1947), Fuga in Francia (1948), Quel bandito sono io (1950), Il sogno di Zorro (1952), Jolanda, la figlia del Corsaro Nero (1952), La provinciale (1953), La mano dello straniero (1954), La donna del fiume (1955), Policarpo, ufficiale di scrittura (1959).

Dichiarazione

regista

«Malombra è tutto dominato da una storia iniziale, che è questa. Intanto, cosa era Malombra? Malombra è un romanzo molto bello in totale, molto bello. Pieno di difetti e pieno di incongruenze, di cose ridicole, ma in sostanza con qualcosa di estremamente vivo. E dire che, fra tutti i film che ho girato, è quello che ho girato credendo di più nel cinema. Al tempo di Piccolo mondo antico io non credevo nel cinema. Credevo nell’amore, questo sì. E al tempo di Malombra io credevo nel cinema».

Cast

& Credits



mario soldati
MALOMBRA
Italia/Italy, 1942, 35mm, 135’, 35mm, bn/bw

malombra

regia/director
Mario Soldati
soggetto/story
dall’omonimo romanzo di/from the novel of the same title by Antonio Fogazzaro
sceneggiatura/screenplay
Mario Soldati, Mario Bonfantini, Renato Castellani, Ettore Maria Margadonna, Tino Richelmy
fotografia/cinematography
Massimo Terzano
montaggio/film editing
Gisa Radicchi Levi, Giovanni Paolucci
scenografia/production design
Gastone Medin
costumi/costume design
Maria De Matteis
musica/music
Giuseppe Rosati
suono/sound
Bruno Brunacci
interpreti e personaggi/cast and characters
Isa Miranda (Maria Vittoria di Malombra), Andrea Cecchi (Corrado Silla), Irasema Dilian (Edith Steinegge),Gualtiero Tumiati (il conte/Count Cesare di Ormengo), Nino Crisman (il conte/Count Nepomuceno Salvador di Ormengo), Ada Dondini (la contessa/Countess Fosca Salvador), Giacinto Molteni (Andrea Stefano Steinegge), Enzo Biliotti (Vezza), Corrado Racca (padre/father Tosi), Nando Tamberlani (don Innocenzo), Doretta Sestan (Fanny), Paolo Bonecchi (Zorzi), Elvira Bonecchi (Giovanna), Giovanni Barella (Giuseppe)
produzione/production
Lux Film
Menu
X
X