37° TORINO FILM FESTIVAL
ONDE

SYNONYMES

SYNONYMS
di Nadav Lapid
Nazione: Francia
Anno: 2019
Durata: 123'


A Parigi le cose non iniziano nel migliore dei modi per Yoav. Eppure è arrivato da Israele con grandi aspettative ed è determinato a sbarazzarsi della sua nazionalità il più rapidamente possibile. Ai suoi occhi, essere israeliano è come un tumore da rimuovere chirurgicamente, mentre diventare francese rappresenta la salvezza. Le necessarie visite all’ambasciata israeliana lo infastidiscono e la giovane coppia francese con cui fa amicizia ha delle idee piuttosto strane su come aiutarlo.

Programmazione

festival

23
NOV
17:30
Acquista
Cinema Reposi - Sala 5
Sottotitoli: sott. it./Eng. sub.
24
NOV
19:45
Acquista
Cinema Reposi - Sala 5
Sottotitoli: sott. it./Eng. sub.
25
NOV
11:15
Acquista
Cinema Reposi - Sala 5
Sottotitoli: sott. it./Eng. sub.

Biografia

regista

Nadav Lapid

Nadav Lapid (Tel Aviv, Israele, 1975) è regista e sceneggiatore. Ha studiato filosofia all’Università di Tel Aviv. Dopo il servizio militare, si è trasferito a Parigi, per poi tornare in Israele e laurearsi alla Sam Spiegel Film & Television School di Gerusalemme. Il suo cortometraggio Kvish è stato proiettato nel 2005 alla Berlinale. Il suo film d’esordio Policeman ha vinto il premio speciale della giuria a Locarno nel 2011, mentre The Kindergarten Teacher ha partecipato al Semaine de la critique di Cannes nel 2014. Nel 2015, Lama? è stato proiettato nella sezione Shorts della Berlinale. È stato insignito della medaglia dell’Ordine francese dei Cavalieri delle arti e delle lettere.

FILMOGRAFIA

Proyect gvul (cm, 2003) Kvish (cm, 2005), Ha-chavera shell Emile (mm, 2006), Policeman (2011), Footsteps in Jerusalem (doc., 2013), The Kindergarten Teacher (2014), Love Letters to Cinema (cm, 2015), Lama? (cm, 2015), The Diary of a Wedding Photographer (cm, 2016), Synonymes (2018).

Dichiarazione

regista

«Come ripetevano sempre i pittori espressionisti tedeschi, “non dipingere l’auto che passa ma la sensazione provata mentre passa”. Il mio film si sforza di filmare non le vedute di Parigi, ma i sentimenti provati da Yoav, o da me stesso, camminando per la città. Lo sguardo di Yoav è quello di una persona che non vuole vedere. All’inizio del film, si rifiuta di alzare lo sguardo per ammirare la Senna perché sta cercando un’altra Parigi, autentica, intima, non turistica».

Cast

& Credits

nadav lapid
SYNONYMES
Francia-Germania-Israele/France-Israel-Germany, 2018, 123’, col.

synonymes

regia/director
Nadav Lapid
sceneggiatura/screenplay
Nadav Lapid, Haïm Lapid
fotografia/cinematography
Shaï Goldman
montaggio/film editing
Era Lapid, François Gédigier, Neta Braun
scenografia/production design
Pascale Consigny
costumi/costume design
Khadija Zeggaï
musica/music
Marc Verdaguer, Ferran Font
suono/sound
Marina Kertész, Sandy Notarianni, Christophe Vingtrinier
interpreti e personaggi/cast and characters
Tom Mercier (Yoav), Quentin Dolmaire (Emile), Louise Chevillotte (Caroline) produzione/production
Saïd Ben Saïd & Michel Merkt - SBS Films
coproduzione/coproducers
Osnat Handelsman Keren & Talia Kleinhendler - Pie Films, Janine Jackowski, Jonas Dornbach, Maren Ade - Komplizen Film

**
contatti/contacts
SBS Productions - Kevin Chneiyeiss
[email protected]
www.sbs-productions.com
Menu
X
X