38° TORINO FILM FESTIVAL
BACK TO LIFE

IYULSKIY DOZHD

JULY RAIN
di Marlen Khutsiev
Nazione: URSS
Anno: 1967
Durata: 107'


Trentenne e in procinto di sposarsi, Lena è in crisi con il fidanzato e non riesce a spiegarsi la sensazione di vuoto che la circonda. Grazie alla compagnia degli amici mitiga in parte la propria insoddisfazione, ma alla lunga si stanca di una vita fatta di studio, chiacchiere e serate fuori. Troverà rifugio solamente nelle conversazioni telefoniche con uno sconosciuto, incontrato casualmente durante un temporale estivo. Film simbolo della stagnazione dell’era Brežnev, ritratto di una generazione di moscoviti persi nei propri sogni e privati di prospettive.

Programmazione

festival

26
NOV
dalle ore 14.00 per 48 ore
Acquista
TFF@MyMoviesLive!
JULY RAIN + BRINDISI GEORGIANO
Sottotitoli: sott. it.

Biografia

regista

Marlen Khutsiev

(Tblisi, Georgia, 1925 - Mosca, Russia, 2019) si diploma presso il VGIK ed esordisce al lungometraggio nel 1956 con Primavera in via Zaréčnaja. Negli anni Sessanta trova il successo, così come gli ostacoli della censura, con Ho vent'anni (1965), premiato a Venezia, e Pioggia di luglioEppure credo..., rimasto incompiuto dopo la morte del maestro; in seguito, impegnato soprattutto in televisione, torna al cinema con i drammi Epilogo (1983) e Infinitas (1992), premio Alfred Bauer a Berlino. Nel 2015, nel corso di una retrospettiva completa dei suoi lavori, ha ricevuto il Pardo alla carriera dal Festival di Locarno.

FILMOGRAFIA

Gradostroiteli (cm, 1950), Vesnà na Zarécnoj ùlice (Primavera in via Zaréčnaja, 1956), Dva Fyodora (I due Fëdor, 1958), Mne dvadcat'let (Ho vent'anni, 1965), Iyulskiy dozhd (Pioggia di luglio, 1967), Byl mesyats may (Era il mese di maggio, tv, 1970), Alyy parus Parizha (The Scarlet Sail of Paris, tv doc, 1971), I vsyo-taky ya veryu... (Eppure credo..., coregia Michail Romm, Elem Klimov, doc, 1974), Poslesloviye (Epilogo, 1983), Beskonechnost (Infinitas, 1992), Lyudi 1941 goda (People of 1941, doc, 2001), Venice 70: Future Reloaded (ep. In perpetuum infinituum, cm, 2013).

Dichiarazione

regista

«Quello che cerco di restituire nei miei film sono le sensazioni che ricordo della Mosca prebellica. Ho sempre vissuto in centro e quando, dopo la guerra, sono finalmente tornato in città, ho ritrovato un altro mondo. Pioggia di luglio e Ho vent’anni  nascono dalle passeggiate di quel periodo. Nel primo dei due volevo trasmettere la sensazione della distanza, come se l’attrice venisse colta casualmente nella folla e la macchina da presa cominciasse a seguirla come una passante qualsiasi».

Cast

& Credits

REGIA: Marlen Khutsiev. SCENEGGIATURA: Anatoli Grebnev, Marlen Khutsiev. FOTOGRAFIA: German Lavrov. MONTAGGIO: A. Abramova. SCENOGRAFIA: Georgi Kolganov. MUSICA: Bulat Okudzhava. SUONO: Boris Vengerovsky. CAST: Yevgenia Uralova, Aleksandr Belyavsky, Yuri Vizbor, Evgeniya Kozyreva, Aleksandr Mitta, Ilya Bylinkin, Yuri Ilchuk, Alla Pokrovskaya, Boris Belousov, Viktoriya Beskova, Valentina Sharykina, Vitaliy Belyakov. PRODUZIONE: Mosfilm, Tvorcheskoe Obedinienie Pisateley i Kinorabotnikov.

CONTATTI: Mosfilm, Elena Orel orel@mosfilm.ru
Menu