38° TORINO FILM FESTIVAL
TFFDOC/INTERNAZIONALE

THE LAST HILLBILLY

THE LAST HILLBILLY
di DianeSara Bouzgarrou, Jenkoe Thomas
Nazione: Francia
Anno: 2020
Durata: 80


Talcum, Kentucky orientale, remota area rurale degli Appalachi dove la gente si sente poco americana. Brian Ritchie e la sua famiglia vivono da decenni in questa zona, un tempo terra di fiorenti miniere. Anno dopo anno, hanno visto svilupparsi un mix esplosivo di declino economico, disastro ecologico e violenza sociale. Li chiamano "hillbillies", cioè bifolchi o zotici montanari, un insulto diventato per molti un segno identitario. Tra questi lo stesso Brian, che vive intrappolato tra un passato mitico e un futuro senza prospettive. È uno degli ultimi testimoni di un mondo che sta scomparendo e che, proprio per questo, ispira la sua poesia.

Programmazione

festival

24
NOV
dalle ore 14.00 per 48 ore
Acquista
TFF@MyMoviesLive!
Sottotitoli: sott. it.
28
NOV
dalle ore 19.00 per 29 ore
Acquista
TFF@MyMoviesLive!
MIGLIOR FILM TFFDOC INTERNAZIONALE.DOC
Sottotitoli: sott. it.

Biografia

regista

Diane Sara Bouzgarrou

Bordeaux, Francia, 1985), di padre tunisino e madre francese, vive e lavora tra Parigi e Lille. Artista multidisciplinare, è interessata all’esplorazione delle convergenze tra ricordi, traumi personali e immaginario collettivo e all’ibridazione fra generi cinematografici e forme d’arte. Ha realizzato numerose installazioni video, con cui ha partecipato a mostre presso gallerie ed eventi quali Art/Positions a Marsiglia, Galerie G a Parigi e The Art Day a Lione. Je me ne souviens de rien (2017) è stato presentata al Cinéma du Réel di Parigi, dove ha ottenuto la menzione del Prix des Jeunes, e al 35esimo Torino Film Festival.

FILMOGRAFIA

Je me ne souviens de rien (doc, mm, 2017), The Last Hillbilly (coregia Thomas Jenkoe, doc, 2020).

Thomas Jenkoe

(Francia, 1981) nei suoi lavori si occupa del conflitto fra l’uomo e le società contemporanee, indagando soprattutto temi come la presenza del male e la persistenza dei confini, siano essi morali, sociali o mentali. Ha iniziato a lavorare nel cinema collaborando alla sceneggiatura di Passwonder (2009) di Guillaume Massart. Successivamente ha realizzato Souvenirs de la Géhenne (2015), premiato al Cinéma du Réel di Parigi e poi proiettato al Festival di Rotterdam e al DocFortnight del MoMa, a New York.

FILMOGRAFIA

Une passion (A Passion, cm, 2011), Maàlich (doc, 2013), Souvenirs de la Géhenne (Memories from Gehenna, doc, mm, 2015), The Last Hillbilly (coregia Diane Sara Bouzgarrouz, doc, 2020).

Dichiarazione

regista

«Per entrare in intimità con Brian volevamo prima di tutto affidarci ai suoi testi che hanno una bellezza poetica e letteraria vibrante, e trasmettono con precisione la sua visione del mondo. È diventato il testimone amaro e illuminato della durezza della vita in questa regione, che è stata minata dal punto di vista ecologico, sociale, economico e, più recentemente, dopo l’elezione di Trump, anche politico».

Cast

& Credits

REGIA, SCENEGGIATURA: Diane Sara Bouzgarrou, Thomas Jenkoe. FOTOGRAFIA: Thomas Jenkoe. MONTAGGIO: Théophile Gay-Mazas. MUSICA: Jay Gambit. SUONO: Diane Sara Bouzgarrou. CAST: voce narrante Brian Ritchie. PRODUZIONE: Films de Force Majeure.

CONTATTI: The Party Film Sales, Théo Lionel theo.lionel@thepartysales.com
Menu