Nazione: USA
Anno: 1986
Durata: 121'


Abbandonato dalla moglie, sfrattato di casa, arrestato per aver guidato senza patente, privo di un lavoro, il fotoreporter Richard Boyle decide di recarsi in Salvador, dove potrà forse realizzare un colpo giornalistico. Con lui parte l'amico Doctor Rock, un disck jokey anch'esso disoccupato. Appena arrivati a destinazione vengono fermati da un gruppo di vigilantes e accompagnati prima da Smiling Death e poi dal colonnello Figueroa che ha appena fatto passare per le armi uno studente sospettato di essere un simpatizzante della guerriglia. I due amici temono per la loro vita. Ma il colonnello si mostra estremamente affabile col giornalista americano e lo lascia libero, insieme all'amico. Doc si mette subito alla ricerca di un suo vecchio amore, Maria, che rapidamente riesce a trovare. Boyle incontra John Cassady, un suo collega fotoreporter, e invano cerca un'occasione di lavoro. Insieme a Cassady riesce comunque ad andare sino a El Playon, dove centinaia di corpi di "desaparecidos" vengono ammassati quotidianamente, vittime delle squadre della morte. Qualche giorno più tardi, mentre si festeggia un successo elettorale di Reagan, in una villa ben custodita il Maggiore Massimiliano Casanova, leader della destra, ha un incontro segreto con altri estremisti di destra, fra cui alcuni ufficiali di alto grado. Lo scopo è quello di preparare l'attentato all'arcivescovo Romero, che sta "avvelenando" le menti dei giovani salvadoregni.
Durante una lite con alcuni teppisti locali Doc e Carlos, il giovane fratello di Maria, vengono arrestati. Boyle riesce a far liberare l'amico. Carlos è però sospettato di essere un sovversivo. A causa della situazione del fratello la stessa Maria viene a trovarsi in cattive acque. Boyle porta Maria dall'arcivescovo Romero, da lui un tempo conosciuto. Ma proprio in quell'occasione un fanatico della destra gli spara al cuore. Dopo una conferenza stampa dai toni burrascosi, Boyle torna a Libertad dove viene a scoprire che Carlos è stato ucciso. Inutilmente tenterà di consolare Maria. Uscito da un bar, Boyle è circondato dagli uomini delle squadre della morte, e solo l'intervento di Cassady e del Doctor Rock riescono a salvargli la vita. Ma le morti misteriose non accennano a diminuire. Boyle è sempre più sconvolto. Unica consolazione è l'amore per Maria. I ribelli stanno preparando la loro offensiva. Boyle e Cassady riescono ad intervistare il comandante Marti, uno dei capi della guerriglia. Qualche giorno dopo i ribelli sferrano il loro attacco contro Santa Ana. Boyle e Cassady, che simpatizzano ormai per i ribelli, si recano sul luogo degli scontri. Con l'aiuto americano, il col. Figueroa guida il controattacco. Boyle viene ferito, Cassady ucciso. Prima di morire però dà all'amico le sue fotografie. Alla frontiera, Boyle viene fermato proprio a causa di queste fotografie. Solo l'intervento dell'ambasciatore americano lo salva da una morte ormai certa. Non riuscirà però a ripartire portando con sé Maria.

"Sono stato due volte in Vietnam e realizzando questo film mi sono reso conto che le somiglianze fra Vietnam e Salvador sono impressionanti. So che il mio film provocherà polemiche e discussioni a non finire, più politiche che cinematografiche, e forse quando uscirà io mi nasconderò in Mongolia. Ma una cosa voglio che sia chiara: la mia opera non è antiamericana, è se mai contro la politica estera del governo americano." (Oliver Stone)

Biografia

regista

Oliver Stone

Oliver Stone (New York, USA, 1946) ha combattuto in Vietnam nel 1967-1968 e ha concluso gli studi alla New York University Film School nel 1971. Nel 1978 ha vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale con Fuga di mezzanotte. Nel 1986 ha diretto Platoon, premiato con quattro Oscar, e nel 1989 ha vinto l’Oscar per la miglior regia con Nato il quattro luglio. Dopo The Doors e JFK - Un caso ancora aperto ha completato la trilogia sul Vietnam nel 1993 con Tra cielo e terra e ha diretto Assassini nati, scritto da Quentin Tarantino. Tra il 2003 e il 2004 ha realizzato tre documentari politici e nel 2006 ha diretto World Trade Center.

FILMOGRAFIA

Last Year in Vietnam (cm, 1971), Seizure (1974), Mad Man of Martinique (cm, 1979), The Hand (La mano, 1981), Salvador (id., 1986), Platoon (id., 1986), Wall Street (id., 1987), Talk Radio (id., 1988), Born on the Fourth of July (Nato il quattro luglio, 1989), The Doors (id., 1991), JFK (JFK - Un caso ancora aperto, 1991), Heaven and Earth (Tra cielo e terra, 1993), Natural Born Killers (Assassini nati, 1994), Nixon (Nixon - Gli intrighi del potere, 1995), U Turn (U Turn - Inversione di marcia, 1997), Any Given Sunday (Ogni maledetta domenica, 1999), Comandante (doc., 2003), Persona non grata (doc. TV, 2003), Looking for Fidel (mm, doc., TV, 2004), Alexander (id., 2004), World Trade Center (id., 2006), W. (2008).

Cast

& Credits

Regia: Oliver Stone.
Sceneggiatura: Oliver Stone, Richard Boyle.
Fotografia: Robert Richardson.
Montaggio: Claire Simpson.
Interpreti e personaggi: James Woods (Richard Boyle), John Savage (Cassady), Jim Belushi (Doctor Rock), Michael Murphy (l'ambasciatore americano), Elpedia Carrillo (Maria), Tony Piana, Jorge Luke, Colby Chester, Cindy Gibb, Will MacMillan.
Produttori: Gerald Green, Oliver Stone.
Produzione: Hendale Film Corporation.
Distribuzione: Lite International, Via Mercalli 19, Roma. Tel.: 805041.
Menu