Nazione: URSS
Anno: 1979
Durata: 11'


Montaggio lirico di immagini d'archivio sull'ultimo periodo del conflitto tra Germania e URSS: le esecuzioni dei comandanti nazisti, la preoccupazione sul volto di Hitler, i paesaggi devastati, scene di terrore generale, la vittoria sovietica ottenuta a un prezzo altissimo. Sullo schermo compaiono le date di morte di Hitler e Stalin (rispettivamente 1945 e 1953), dando origine a una sinistra analogia tra i due uomini responsabili della distruzione del corpo e dell'anima della Russia. Realizzato nel 1979, il film fu bandito e reso pubblico solamente dieci anni dopo.

Biografia

regista

Aleksandr Sokurov

Aleksandr Sokurov (Podorvicha, Russia, 1951) studia cinema al VGIK di Mosca e ne esce anzitempo per i contrasti con il Goskino. Nel 1980 entra nella Lenfil'm, ma solo con la perestrojka si potranno vedere i lavori di questo periodo, come l'opera prima The Lonely Voice of Man (1978). Nel 1985 inaugura la serie delle Elegie e negli anni '90 sperimenta la tecnica digitale in A Humble Life (1997) e Dolce (1999). Conosce la consacrazione con Madre e figlio (1997), Moloch (1999), Arca russa (2002) e Father and Son (2003). Nel 2003 il Torino Film Festival gli ha dedicato una retrospettiva completa.

FILMOGRAFIA

Odinokij golos cˇeloveka (The Lonely Voice of Man, 1978-87), Razzˇalovannyj (Degraded, cm, 1980), Dni zatmenija (The Days of Eclipse, 1988), Spasi i sochrani (Save and Protect, 1989), Krug vtoroj (The Second Circle, 1990), Kamen' (The Stone, 1992), Tichie stranicy (Whispering Pages, 1993), Mat' i syn (Madre e figlio, 1997), Moloch (id., 1999), Dolce (1999), Telec (Taurus, 2001), Russkij kovcˇeg (Arca russa, 2002), Otec i syn (Father and Son, 2003), Mozart Requiem (doc., 2004), Solnze (Il sole, 2005).

Cast

& Credits

Regia, soggetto, sceneggiatura/Director, story, screenplay: Aleksandr Sokurov
Musica/Music: Krzistof Penderecki, Johann Sebastian Bach
Produzione/Production: LSDF
Menu