IL SUCCESSORE

di Mattia Epifani
THE SUCCESSOR - IL SUCCESSORE

Informazioni

Nazione: Italia

Anno: -

Durata: 52'

33° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Ingegnere ed ex proprietario della Tecnovar, azienda pugliese che progetta e vende mine antiuomo, Vito Alfieri Fontana attraversa una profonda crisi esistenziale, che lo porta a mettere in discussione se stesso, il suo lavoro e i rapporti con la famiglia, in particolar modo con il padre. Una domanda lo assilla: quante vittime avrà causato la Tecnovar? La risposta assume per l’ingegnere contorni inquietanti, ma è anche il punto di partenza di un viaggio verso gli ex teatri di guerra della Bosnia ed Erzegovina, dove sono ancora attive squadre di sminatori.

Regia

Mattia Epifani

Mattia Epifani

Mattia Epifani (Lecce, 1985) lavora dal 2004 come regista, montatore e operatore. Nel 2008 è stato assistente alla regia per il lungometraggio Fine pena mai di Davide Barletti e Lorenzo Conte e nel 2010 ha diretto il documentario Rockman, con cui ha ottenuto riconoscimenti in festival come l’Immaginaria Film Festival, Visioni Fuori Raccordo e il Sole Luna Film Festival. Nel 2013 ha diretto e prodotto Ubu R1e, ambientato nella casa circondariale Borgo San Nicola di Lecce e interpretato dai detenuti della sezione R1. È inoltre socio della casa di produzione indipendente Muud Film e della compagnia di teatro-carcere Io Ci Provo.

Filmografia:
Rockman (mm, doc., 2010), Ubu R1e (mm, doc., 2013), The Best (mm, doc., 2015), Il successore (mm, doc., 2015). 

Cast and Credits

regia/director
Mattia Epifani
sceneggiatura/screenplay
Francesco Lefons, Mattia Epifani
fotografia/cinematography
Giorgio Giannoccaro
montaggio/film editing
Mattia Soranzo
musica/music
Gabriele Panico
suono/sound
Gianluigi Gallo
interpreti/cast
Vito Alfieri Fontana, Nijaz Nemic, Senaid Abdihodeic, Rarija Besic
produzione/production
Apulia Film Commission



contatti/contacts

Dichiarazione regista

«Nel suo viaggio oscuro, l’uomo diviso in due, prigioniero del conflitto tra dovere e coscienza, attraversa una Bosnia sfregiata dal dramma delle mine antiuomo, nella consapevolezza che il suo conflitto interiore rimarrà irrisolto. Quella di Vito Alfieri Fontana non è la classica parabola di redenzione, bensì il tragitto tormentato di un uomo che ha rinnegato se stesso per darsi una seconda possibilità, esercitando un lucido esercizio di autocontrollo per tenere a bada quella parte assopita che vorrebbe ancora sedersi al tavolo da disegno».

Sinossi Approfondisci

Ingegnere ed ex proprietario della Tecnovar, azienda pugliese che progetta e vende mine antiuomo, Vito Alfieri Fontana attraversa una profonda crisi esistenziale, che lo porta a mettere in discussione se stesso, il suo lavoro e i rapporti con la famiglia, in particolar modo con il padre. Una domanda lo assilla: quante vittime avrà causato la Tecnovar? La risposta assume per l’ingegnere contorni inquietanti, ma è anche il punto di partenza di un viaggio verso gli ex teatri di guerra della Bosnia ed Erzegovina, dove sono ancora attive squadre di sminatori.

Regia Tutto sui registi del film

Mattia Epifani

Mattia Epifani

Mattia Epifani (Lecce, 1985) lavora dal 2004 come regista, montatore e operatore. Nel 2008 è stato assistente alla regia per il lungometraggio Fine pena mai di Davide Barletti e Lorenzo Conte e nel 2010 ha diretto il documentario Rockman, con cui ha ottenuto riconoscimenti in festival come l’Immaginaria Film Festival, Visioni Fuori Raccordo e il Sole Luna Film Festival. Nel 2013 ha diretto e prodotto Ubu R1e, ambientato nella casa circondariale Borgo San Nicola di Lecce e interpretato dai detenuti della sezione R1. È inoltre socio della casa di produzione indipendente Muud Film e della compagnia di teatro-carcere Io Ci Provo.

Filmografia:
Rockman (mm, doc., 2010), Ubu R1e (mm, doc., 2013), The Best (mm, doc., 2015), Il successore (mm, doc., 2015). 

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia/director
Mattia Epifani
sceneggiatura/screenplay
Francesco Lefons, Mattia Epifani
fotografia/cinematography
Giorgio Giannoccaro
montaggio/film editing
Mattia Soranzo
musica/music
Gabriele Panico
suono/sound
Gianluigi Gallo
interpreti/cast
Vito Alfieri Fontana, Nijaz Nemic, Senaid Abdihodeic, Rarija Besic
produzione/production
Apulia Film Commission



contatti/contacts

Dichiarazione regista Approfondisci

«Nel suo viaggio oscuro, l’uomo diviso in due, prigioniero del conflitto tra dovere e coscienza, attraversa una Bosnia sfregiata dal dramma delle mine antiuomo, nella consapevolezza che il suo conflitto interiore rimarrà irrisolto. Quella di Vito Alfieri Fontana non è la classica parabola di redenzione, bensì il tragitto tormentato di un uomo che ha rinnegato se stesso per darsi una seconda possibilità, esercitando un lucido esercizio di autocontrollo per tenere a bada quella parte assopita che vorrebbe ancora sedersi al tavolo da disegno».